Economia

Zes Abruzzo: scintille tra D’Alessandro (Pd) e Marsilio

 

 

 

Sulmona, 29 marzo– Secondo il deputato del Partito Democratico, Camillo D’Alessandro, la richiesta del neo eletto governatore d’Abruzzo, Marco Marsilio, di voler trasferire i porti di Pescara e di Ortona, sotto l’Autorità portuale di Civitavecchia, sarebbe stato “un tentativo abbastanza goffo” che avrebbe messo in pericolo la possibilità di far riconoscere l’Abruzzo come Zona Economica Speciale.

È quanto emerso oggi, durante il question timealla Camera, quando il deputato del PDè intervenuto in risposta alla Ministra per il Sud, Barbara Lezzisulla questione. Inoltre, D’Alessandro, ha ringraziato la senatrice Lezzi di aver “chiarito che la precedente giunta regionale, aveva già concluso l’iter per la richiesta di istituire la Zes in Abruzzo.”

Infatti la Ministra, che è stata interrogata dalla senatrice del PD, Stefania Pezzopane, ha dichiarato che già a settembre il suo dicastero aveva dato una risposta positiva alla richiesta pervenuta dalla regione nel febbraio 2018: “in considerazioni dei requisiti presenti nell’area individuata come Zes, si poteva procedere alla richiesta di istituzione facendo riferimento all’autorità di sistema portuale di Ancona”. L’inserimento della regione nella Zona Economica Speciale(Zes), permetterebbe all’area di attrarre investimenti esteri, in quanto destinataria di benefici fiscali e semplificazioni amministrative che consentono alle imprese insediate e che si insedieranno di crescere.

 Il deputato Camillo D’Alessandro, ha concluso la seduta facendo un appello alla Ministra Lezzi: “che segua nel dettaglio questa vicenda: ”cambiano le giunte regionali ma non può cambiare l’obiettivo per una regione del sud, che è quello di crescere”.

Manuela Susi

 

 

(29 marzo 2019)

 

 

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.