Domenica, 26 maggio 2019

Vertenza San Raffaele, allarme dei sindacati


2019/03/09 09:480 comments

 

Sulmona, 9 marzo- All’assemblea di ieri, 8 marzo 2019, convocata da FP CGIL e CISL FP e aperta alle istituzioni ed alla politica del territorio, nonostante la massiccia partecipazione dei lavoratori si è registrata la sconcertante assenza della politica ad eccezione del Tribunale dei Diritti del Malato, del Sindaco di Villalago e dei Consiglieri Comunali di Sulmona Bianchi e Balassone.  La procedura di licenziamento collettivo per i lavoratori va avanti speditamente e non si intravvede una soluzione positiva alla vertenza.

  La riduzione di attività sanitarie per la riabilitazione “spinale” (codice 28), esclusivo servizio sanitario che la Regione Abruzzo eroga in regime di accreditamento alla San Raffaele di Sulmona, sta creando enorme danno ai pazienti che necessitano di queste importanti cure, oltre a cospicui mancati introiti per la Regione Abruzzo conseguenti alla diminuzione della mobilità attiva. FP CGIL e CISL FP, insieme con tutti i lavoratori, hanno deciso di continuare lo stato di agitazione e metteranno in campo ogni azione per contrastare il licenziamento di 14 lavoratori.

            La soluzione della vertenza ha carattere prettamente politico, in quanto è solo la Regione Abruzzo, con il Presidente Marsilio e l’Assessore alla Sanità Verì, che può derogare ai tetti di spesa per le prestazioni di alta complessità (tra cui, a pieno titolo, rientrano quelle erogate dalla S. Raffaele Sulmona) deliberando l’adeguamento del budget a totale copertura della attività di Unità Spinale della Casa di Cura di Sulmona. Per questo motivo le scriventi OO.SS. hanno già richiesto un urgente incontro con la Regione e con il Sindaco di Sulmona al fine di individuare immediate soluzioni alla vertenza, atteso che i tempi di Legge per i licenziamenti sono imminenti. In carenza di immediate risposte, le Organizzazioni Sindacali preannunciano sin da ora azioni di lotta a tutela dei livelli occupazionali e dei Servizi Sanitari nel territorio.

 

 

 

Leave a Reply


Trackbacks