Politica

Sulmona: matrimoni con rito civile fuori da Palazzo San Francesco? Salvati: “era una mia idea”

Sulmona,  19 novembre– “Apprendo dalla stampa e noto con piacere  che il Sindaco e la consigliera D’Amico  abbiamo preso a cuore un altro  progetto da me fortemente voluto, dopo quello sulla video sorveglianza, “sposarsi a Sulmona, Sulmona Città dell’amore, anche se, come al solito, senza purtroppo riconoscere il lavoro, di chi l’idea l’ha avuta e perseguita, facendo finta di nulla cercando di appropriarsi di meriti non proprio farina del loro sacco. Nel regolamento che ho avuto l’onere e l’onore di stilare insieme agli uffici comunali qualche anno fa, sono tante le location comunali disponibili, cosi come vi è un capitolo di bilancio comunale apposito che richiesi di istituire proprio per il Progetto “Sposarsi a Sulmona” e Sulmona Città dell’amore”. Mi fa piacere che dopo anni, nonostante le mie continue sollecitazioni, abbiano compreso l’importanza di questa mia idea.” Lo dice la Consigliera  comunale Roberta Salvati (Lega) commentando l’iniziativa varata dalla Giunta comunale di Sulmona  per celebrare i matrimoni con rito civile fuori dalla sede istituzionale di Palazzo San Francesco.
“Ciononostante – conclude Salvati – invito il Sindaco e la giunta  a prendersi più cura del patrimonio comunale, provvedendo ai lavori di messa in sicurezza. Molti  palazzi storici nel comune versano in un imbarazzante degrado e non sono un bel biglietto da visita per presentare al meglio la città e visto che hanno tanto a cuore questo  progetto bellissimo utile per le future coppie di Sulmona e non che vogliono sposarsi, chiedo di provvedere all’imminente  messa in sicurezza ad esempio di Palazzo Mazara, uno tra i palazzi comunali più belli di Sulmona  inserito tra l’altro  tra le location disponibili del comune”.

 

.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.