Sport

Sulmona: torneo nazionale, femminile e maschile, di tennis di 3° e 4° categoria. Davvero un successo

Sulmona,18 ottobre-Si è conclusa a Sulmona  la finale del torneo nazionale, femminile e maschile, di tennis di 3° e 4° categoria presso il circolo tennis Red Country di Sulmona.

A rompere il ghiaccio nel pomeriggio di finale sono state le giovani tenniste Anna Tambelli e Benedetta Pompa, le quali, dopo una partita disputata egregiamente, si sono rispettivamente posizionate sul primo e secondo scalino del podio.

A seguire si è passato il testimone ai giocatori della finale maschile, Andrea Hinic e Giangiordano Emanuele. In questo caso, ad alzare la coppa della vittoria è stato Andrea Hinic e il suo preparatissimo avversario si è piazzato al secondo posto.

Da sottolineare il forte senso di sportività respirato sia nel vivo della partita che nel post gara. Le quattro giovani promesse del tennis hanno lanciato un forte messaggio; La professionalità si misura anche, e soprattutto, in base al rispetto che ogni giocatore ha del proprio avversario.

Dopo un breve rinfresco ha avuto luogo la premiazione dei quattro finalisti. A presiedere la cerimonia i giudici arbitri Giovanni D’Emilio, Gabriele Di Girolamo, Vittorio De Laurentiis e il Presidente del Circolo tennis Antonio Crocetti che durante il discorso ha tenuto a ringraziare con grande rispetto i già menzionati giudici arbitri, i tennisti finalisti, gli sponsor del torneo e la partecipazione attenta degli spettatori.

“Quest’anno – spiega il giudice arbitro Gabriele Di Girolamo – abbiamo avuto una partecipazione, sia maschile che femminile, molto nutrita e qualitativamente molto alta, basti pensare alla finale femminile che ha visto un ricambio generazionale che fa ben sperare ad un futuro del movimento tennistico nazionale. Passando alla finale maschile, è stata una bella finale e mi congratulo con entrambi i giocatori” conclude così Di Girolamo.

Una finale, quella di ieri, caratterizzata da un alto livello di talento sportivo; ogni pallina lanciata oltre la rete trasudava mesi, anni di dedizione allo sport, allenamenti condotti con passione e spirito di sano sacrificio. In quel campo non c’erano solo ragazzi intenti a vincere una gara ma il vero futuro italiano, giovani che hanno condiviso molto con la terra rossa del campo, una terra rossa che ha restituito loro grandi soddisfazioni.(h.13,00)

 

Chiara Del Signore

3 Comments

  1. Marcello Romano

    Dove si sono tenuti gli incontri? All’Incoronata?
    Mi domando perchè si informa dopo e non prima: si offrirebbe l’opportunità di assistere alle competizioni: una bella distrazione nei tempi tristi della pandemia!

    • redazione

      Lei è troppo distratto si lamenta sempre di tutto e non si accorge di quello che invece è scritto sempre con largo anticipo

  2. Andrea Pantaleo

    Complimenti alla redazione per l’ottima precisazione.

    Andrea Pantaleo

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.