Mercoledi, 20 giugno 2018

Sulmona: presentato il restauro della Statua scannese


2018/05/19 17:560 comments

Sulmona, 19 maggio– Presentato questa mattina a Sulmona, all’interno del Polo Museale di Santa Chiara, il restauro del busto marmoreo realizzato dall’artista Costantino Barbella intitolato la Scannese, restauro il quale è stato eseguito dall’artista Sulmonese Gabriele Malvestuto, dietro munificenza dell’Università Sulmonese della Libera Età. Presenti il Sindaco di Sulmona Annamaria Casini, l’Assessore alla cultura Alessandro Bencivenga gli storici Fabio Valerio Maiorano, Ezio Mattiocco, Roberto Carrozzo impiegato dell’Archivio di Stato di Sulmona, Anna Colangelo Soprintendente ai Beni Culturali, Gabriele Malvestuto, l’Avvocato Lando Sciuba, l’Architetto Massimo Giorni Piccirilli, Gianni Febo, appartenenti all’Università Sulmonese della Libera Età, cittadini i quali hanno sentito il piacere ed dovere di non mancare all’appuntamento. La statua della Scannese viene danneggiata a seguito del terribile sisma del 2009 e subirà delle lacerazioni e rotture considerevoli.

Il restauro è stato conservativo al fine di preservare il futuro della statua della Scannese. Il busto viene realizzato come epoca storica fra la fine del XIX e l’inizio del XX Secolo. Il lavoro di restauro espletato da Gabriele Malvestuto ha richiesto minuziosa attenzione, impegno, professionalità, al fine di riportare al vetusto splendore l’opera marmorea. Costantino Barbella inizia la realizzazione di statue sin da bambino all’interno del negozio paterno; il successo di Costantino Barbella nel corso della vita sarà ingente e sarà caratterizzato dalle esposizioni di Barbella sia in Italia, sia all’estero, rappresentando la città di Sulmona e l’Abruzzo intero, esposizioni che daranno all’artista fama e prestigio intramontabili ed immortali. La statua della Scannese da Lui realizzata ha instillato un dibattito attento fra gli storici e studiosi dell’arte a seguito del quale si è sostenuto che, la figura dell’incantevole donna ritratta nella statua, sarebbe la moglie del Barbella appartenente al nobile lignaggio della famiglia Corvi. La figura quindi della statua non è frutto di immaginazione, della fantasia, ed ha particolari bellissimi.

 La testa, il busto, sono stati realizzati in leggera torsione a rappresentare geometricamente il dominio dello spazio. Costantino Barbella tesserà amicizie particolari, fra le quali quella con Antonio De Nino, al quale donerà una statua da Lui realizzata raffigurante una donna di Introdacqua avente il tradizionale costume dell’Universitas. Giornata importante legata alla cultura, all’arte, con particolare riferimento alla storia dell’arte di notevole valore artistico culturale. (h. 17,30)

 

Andrea Pantaleo

Leave a Reply


Trackbacks