Lunedi, 19 novembre 2018

Sulmona: presentato il libro Sul Conte Guido Ginaldi


2018/09/12 16:350 comments

Sulmona, 13 settembre- Conferenza stampa questa mattina a Sulmona, all’interno del Gran Caffè Letterario, per la presentazione del libro realizzato da Ezio Mattiocco e Francesco Falocco edito dall’Università Sulmonese della Libera Età,il quale ricostruisce la vita e la carriera di uno dei Sulmonesi fra i più autorevoli della storia contemporanea della città di Sulmona: il Conte Guido Ginaldi, campione indimenticabile delle leggendarie e indimenticabili corse d’auto, le quali hanno appassionato coinvolto ed acceso le passioni non soltanto agli appassionati di automobilismo. Guido Ginaldi nasce a Sulmona il 24 febbraio 1898 da Carlo avvocato e Rita Immacolata Sardi rampolla di una delle famiglie della facoltosa nobiltà della città di Sulmona; muore a Sulmona il 28 gennaio 1979 ed è stato tumulato nel cimitero civico Sulmonese nel complesso funebre della Confraternita di Santa Maria di Loreto del Cristo Risorto.

Il libro è un viaggio storico interessante e coinvolgente, una itinerario di memoria storica preziosa, al fine di rimembrare ed onorare un eminente personaggio Sulmonese campione di gran classe anche delle corse d’auto. Presenti in conferenza stampa gli autori Ezio Mattiocco, Franco Falocco, Walter Tirimacco Responsabile per la Regione Abruzzo del Club Passione Rossa, Fabio Valerio Maiorano docente, storico, studioso di araldica, Gianni D’Amario figlio di Raffaele D’Amario altro personaggio storico cittadino menzionato nel libro, colui il quale può essere definito l’eterno secondo di Guido Ginaldi in quanto, Raffaele D’Amario, è stato il navigatore di Guido Ginaldi in tante gare automobilistiche entrate di diritto nell’immortalità e nella leggenda delle corse d’auto di tutti i tempi. Raffaele Angelo D’Amario detto il Marchese per vocazione e libera scelta e come tale, la città Ovidiana lo ha sempre accettato ed ossequiato, nasce a Sulmona da Ferdinando D’Amario e Teresa Mariano il 26 settembre del 1902 in Via Quatrario ultimo si sei fratelli e sorelle.

 

La famiglia gestisce il rinomato Hotel Traffico di Sulmona. Raffaele D’Amario è ricordato anche per la sua eleganza raffinata nel vestire, nel camminare, nel relazionare con le persone. Muore a Sulmona nel 1981 ed anch’egli è stato tumulato nel cimitero della città ovidiana nel complesso funebre di proprietà dell’Arciconfraternita della Santissima Trinità. Molta l’emozione per questo libro il quale rappresenta l’omaggio più illustre ed il ricordo più autorevole alle due figure Sulmonesi di Guido Ginaldi e Raffaele D’Amario, binomio storico inscindibile della Sulmona protagonista anche nelle gare di automobilismo che davvero son contate nella storia dell’automobile. La figure di Guido Ginaldi e Raffaele D’Amario sono legate anche alla leggendaria, celebre Coppa Acerbo di Pescara, competizione Abruzzese sorta nel 1923 al fine di onorare l’eroe Abruzzese della Prima Guerra Mondiale Tito Acerbo, gara automobilistica la quale, nel corso della storia, ha visto essere partecipanti indimenticabili piloti dell’automobilismo dello spessore eminente di Enzo Ferrari, Guido Ginaldi, Juan Manuel Fangio, Tazio Nuvolari tutti alla guida di automobili Alfa Romeo, Luigi Spinozzisu Bugatti, Alberto Ascari su Maserati sol per citarne alcuni.

La gara Abruzzese si svolgerà sino al 1961 anno della Sua ultima edizione rimanendo un incantevole ricordo nel cuore di tutti gli sportivi ed appassionati di automobilismo non soltanto Abruzzesi. L’albo d’oro di Guido Ginaldi è davvero straordinario e ricco di trionfi e successi stupefacenti. Nel 1925 conquista il primo Premio Reale Roma corsa di 40 giri del circuito di Monte Mario di 482,800 Km classificandosi al terzo posto con un tempo di 4h 56’30’’ e primo nella classe 3000 corsa; il tre maggio dello stesso anno partecipa alla 16^ edizione della Targa Florio gara di 5 giri del medio circuito della Madonie di 540,000 Km giungendo sesto assoluto e stabilendo un tempo di 8h 52’41’’ con un media di 60,360 Km/h e primo nella classe 3000 cc. Il 21 Giugno alla 2^ Coppa acerbo di Pescara gara la quale prevede un circuito da compiersi in venti giri il famoso tracciato di Castellammare Adriatico di 510,000 Km giunge primo assoluto i con un tempo di 5h 28’25’’6/10 e con una media di 93,070 Km /h. Questi sono solo alcuni successi di Guido Ginaldi in quanto altri saranno conseguiti nella Sorrento Sant’Agata, nella Coppa della Perugina, nelle quali Guido Ginaldi si classifica quarto e primo assoluto. Il libro è davvero interessante all’interno del quale vi sono fotografie storiche le quali contribuiscono ad impreziosire le due figure di Guido Ginaldi e Raffaele D’Amario; le diapositive sono state fornite da Gianni D’Amario e Gianni Febbo. Il costo del Libro è di venti euro. Sabato 15 settembre a partire dalle ore 18:00, nella Sala Riunioni dell’Hotel Meeting Santacroce di Sulmona, vi sarà la presentazione del libro al pubblico evento il quale vedrà anche la presenza dei familiari e discendenti del Conte Guido Ginaldi i quali giungeranno da Roma.

 

Andrea Pantaleo

 

Leave a Reply


Trackbacks