Attualità

Sulmona: presentata la prima edizione del progetto ‘A Passar l’acqua’

Sulmona,1 dicembre– Presentato nel foyer del teatro comunale Maria Caniglia di Sulmona, la prima edizione del progetto A Passar l’acqua, evento ideato e realizzato dal professor Gildo Di Marco, con  la finalità di creare la fondamentale coesione sociale e culturale nei confronti dei bambini, i quali rappresentano il fondamentale futuro.

Presenti  Gildo Di Marco, l’assessore allo allo sport ed al sociale del comune di Sulmona Piero Fasciani; ha moderato il dibattito Pasquale Di Giannantonio.  Di Marco ha sentito l’esigenza di riproporre, valorizzare una vetusta usanza denominata a passar l’acqua, la quale era attuata dalle genti del nostro territorio, dalla popolazione della nostra terra, nella notte del ventitre giugno solstizio d’estate.

L’invito a prendere parte, partecipare all’iniziativa, è rivolto oltre che ai privati cittadini anche agli istituti scolastici di ogni ordine e grado, nonché a tutte le realtà associative presenti ed operanti nel nostro territorio. Al fine di realizzare al meglio sia la prima edizione, sia l’intero progetto con il suo futuro, è necessaria la partecipazione di molte persone. Fra gli obiettivi dell’iniziativa vi sono anche riportare in vita l’antica festa del solstizio d’estate, la quale è dedicata soprattutto ai bambini ed ai ragazzi, trasformando l’intero centro storico sulmonese con composizioni naturalistiche, fantastiche, mediante l’allestimento di addobbi floreali, infiorate, ed altro ancora; organizzare un corteo di folclore mediante la presenza di carri e gruppi allegorici, con temi naturalistici, fiabeschi, con feste, balli, spettacoli.

Il fine è creare realtà, situazioni, eventi, che siano di aggregazione e coinvolgimento di tutti i cittadini, mediante la realizzazione anche di giochi, gare, feste, cortei, spettacoli, concorsi. Altra finalità che s’intende raggiungere è creare la realtà, il volano, al fine di promuovere e sviluppare il turismo nel nostro territorio e preservare, serbare, tramandare alle giovani generazioni, la tradizione popolare delle genti d’Abruzzo e del territorio della valle peligna.

Ogni edizione avrà una cadenza annuale partendo dal mese di settembre, sino a giugno e, nel corso di tal periodo, vi sarà la realtà costante di collegamento e supporto con tutti i gruppi che intenderanno partecipare all’evento. Il giorno del ventitre giugno di ogni anno ci sarà la passeggiata al calar del sole. La prima edizione di questo progetto, la riscoperta di tale festa antica, ha la finalità di collegare il passato al presente, guardando al futuro. Un’iniziativa che vuole esser anche di coesione sociale e culturale della società civile. Non mancheranno concorsi quali l’infiorata, il carro allegorico, il gruppo allegorico, gli addobbi floreali, il filmato, la foto. Lungo il cammino si doveva attraversare un corso d’acqua quale simbolo di passaggio, di transito, da una stagione dell’anno in cui le giornate erano andate allungandosi, ad un’altra la quale avrebbe visto l’inizio della fase discendente del sole sull’orizzonte, con giornate sempre più corte, con luce e calore solari in crescente diminuzione. (h.8,00)

Andrea Pantaleo

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.