Mercoledi, 17 ottobre 2018

Sulmona: M5S, altro che Giostre e notti bianche. La Comunità ha bisogno di maggiore senso civico


2018/08/09 12:490 comments

 

 Sulmona, 9 agosto- Piuttosto che ai festeggiamenti rievocanti la storica Giostra Cavalleresca sulmonese è sembrato, a ben guardare, di assistere alla ricorrenza del passaggio dei Lanzichenecchi, constatato, infatti, il totale disinteresse per il decoro urbano manifestato da più parti, preso atto, insomma, dell’immondezzaio a cielo aperto che è risultato non solo nella Piazza e sotto gli spalti, ma un po’ ovunque nelle strade e nei vicoli, durante e sul finire dei giochi, e dal momento che l’imponente investimento di risorse non aveva previsto, evidentemente, all’interno della macchina,  “formosa” e sontuosa, un minimo ingranaggio deputato alla pulizia dei luoghi storici. Solo a Giostra terminata si sono messi in moto ramazze e idranti per fare finalmente “piazza pulita” di ogni segno di maleducazione, come dopo un chiassoso Carnevale. Con ciò sperando che almeno stavolta non siano stati procurati danni aggiunti ai monumenti o al plateatico, dalle operazioni di sgombero e movimento terra. Lo scrivono in una lunga nota  gli aderenti Meetup Amici di Beppe Grillo Sulmona.

 “Ma oggi – si legge nel documento–  non vogliamo tuttavia soffermarci sulle inadempienze organizzative quanto piuttosto su come ci comportiamo noi cittadini. La mancanza di senso civico ci indigna, laddove il pensiero del nostro Meetup, costante, è rivolto a salvaguardare e preservare i luoghi d’arte e tradizione di Sulmona, di richiamo culturale e turistico, ma soprattutto nostri, cioè di tutti noi.

Vogliamo soffermarci, oggi, a riflettori spenti, ad invitare ad una riflessione costruttiva quanti spesso si indignano ma tacciono, o magari si lanciano in un effimero sfogo di disapprovazione sui social, paghi di aver manifestato ogni imbarazzo ma anche ogni impotente solitudine, in polemiche accese ma anche un po’ retoriche ed inconcludenti.

 Crediamo fermamente che non può bastare la sterile lamentela anche quotidiana su quello che non va. Chi, come noi, assiste sconsolato alla rumorosa messa al bando del rispetto delle “cose di tutti”‘, all’oltraggio senza alcuna pietà, di piazze, vicoli, viali, vetrine, automobili, all’abbandono di rifiuti ovunque da parte di coloro che, incuranti e disprezzanti, se ne disinteressano di tutto e tutti, ebbene crediamo debba scuotersi ed attivarsi, far sentire la propria voce di senso civico, finanche presidiare culturalmente i nostri luoghi in cui viviamo”. (h. 12,45)

Leave a Reply


Trackbacks