Politica

Sulmona: Lega, confusione nella cartellonista stradale

Sulmona, 10 ottobre– “Non solo la cartellonistica inesatta all’ingresso dell’area pedonale del centro storico che da mesi va sostituita, non solo le difficoltà dei commercianti per l’approvvigionamento delle merci con orari poco clementi per le loro attività, ora anche il pannello elettronico che segna varco “non attivo” all’ingresso principale dell’Area pedonale urbana (Apu) proprio quando gli altri tabelloni, come quello di Costa del Sagittario, sono attivi.
La confusione regna sovrana in città, commenta la Lega Sulmona facendo riferimento all’ennesima negligenza degli amministratori locali.  Poveri cittadini che, tratti in confusione dalla cartellonistica sbagliata, da mesi non ancora sostituita, entrano in centro storico pensando che ci sia stato un atto di clemenza dell’amministrazione affidandosi alle indicazioni di un tabellone elettronico fuori controllo.. Dimenticanze degli amministratori che si aggiungono a tante altre, troppe, che pesano come macigni sui portafogli ed il bilancio delle nostre famiglie.
Proprio per la confusione generata da questo disordine stradale chiediamo alla sindaca, Annamaria Casini, di far annullare tutte le contravvenzioni elevate in questo periodo e di sospendere i controlli sino a quando il problema tecnico del tabellone elettronico non sarà risolto e così quello della cartellonistica stradale d’ingresso all’Apu, completamente sbagliata. Soprattutto, invitiamo l’amministrazione comunale a sostituire, il prima possibile, la cartellonistica a piazza Tresca già gli orari dell’Apu sono difficili da memorizzare figuriamoci con queste gravi inesattezze. Speriamo di non dover attendere qualche altro benefattore per garantire ai cittadini un po’ di chiarezza sulla cartellinistica agli ingressi al centro storico ed evitare altre multe salatissime” conclude la Lega Sulmona. 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.