Politica

Sulmona: la decisione storica assunta dal Consiglio comunale

Sulmona, 26 giugno– In una  città dove la politica non fa piu’ notizia e dove i protagonisti del momento,per buona parte, si distinguono solamente   per la pochezza di idee e quella   ricerca fastidiosa di guadagnare un pizzico di visibilità  pochi si sono accorti invece che proprio nella seduta di ieri il Consiglio comunale di Sulmona ha assunto una decisione di straordinaria importanza  destinata a far rumore e a produrre una serie di  riflessi cullturali positivi.

Dopo circa 30 anni di attese, rinvii, negligenze, ritardi, diffidenze politiche il Comune  ‘ adotta’  Campo 78. E’ una pagina bellissima attorno alla quale forse oggi è possibile costruire un progetto importante  per tutto ciò che che quel luogo, dentro casa nostra, ha rappresentato per la storia di questo Paese e di questa regione e soprattutto perb quello che è puo’ rappresentare  ancora sopratutto per i piu’ giovani. Siciramente attorno a questa decisione, sul suo significato e sulle sue prospettive il nostro gionrale tornerà nelle prossime ore ma in questo momento il pensiero va doverosamente a chi, come Mario Setta, studioso attento e raffinato, molto documentato, e animato da grande passione  nella difesa e nella valorizzazione di Campo 78 ha sviluppato costantemente  in questi anni

 Il Campo di concentramento fu costruito per  i priguonieri della prima guerra mondiale (1915-18).Vi furono sistemati i prigionieri   di nazionalità austro-ungarica adibiti ad operazioni di rimboschimento,lavori agricoli e artigianati.L’epidemia della “ spagnola” provocò ls morte di oltre 400 persone sepolte dopo il Sacrario di guerra presso il cimitero di Sulmona. Durante la seconda guerra mondiale ( 1940-1945) , al Campo fu assegnato il n.78 e divenne luogo di detenzione dei prigionieri alleati anglo-americani catturati  prevalentemente nella campagna  d’Africa (h.8,00)

2 Comments

  1. Il libro ” the Aussie Camp” ne descrive bene la vita che vi si svolgeva

  2. Marco urbani

    Saggi e bravi, avete superato voi stessi rimanete nella storia

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.