Venerdi, 10 novembre 2017

Sulmona: anche la Uil Fp denuncia la carenza di organico in Ospedale


2017/10/05 17:330 comments

Sulmona, 5 Ottobre- La Uil Fp  rileva una realtà difficile della sanità in tutta la  provincia dell’ Aquila. Tale situazione sta determinando la perdita  nel corso degli anni di realtà specialistiche  eccellenti che si sono sempre contraddistinte nel  panorama regionale e nazionale.

La UIL FPL condivide pienamente le preoccupazioni lanciate da altre sigle sindacali rispetto le criticità di organico presenti ormai da anni nel centro trasfusionale di Sulmona ,ma invita tutti ad avere una visione di insieme delle problematiche, la cui complessità difficilmente può essere risolta attraverso  azioni singolari  e frammentarie.

Marcello Ferretti della Segreteria provinciale UIL FPL spiega che i tagli imposti dalla regione sulle dotazioni organiche di circa 5,3 milioni di euro e il blocco del turn over dell’ 80% rischiano inevitabilmente di andare ad inficiare sui LEA ( Livelli essenziali di assistenza), sulla qualità dei servizi erogati  e sulla sicurezza dei lavoratori.

La situazione attuale sul presidio di Sulmona evidenzia una carenza di personale sanitario così distribuita:

  1. Pronto Soccorso 5medici, 3 infermieri

  2. Radiologia 2 medici, 3 tecnici

  3. Rianimazione 3 medici

  4. Urologia 1 medico

  5. Laboratorio Analisi 1 medico, 2 Tecnici

  6. Ostetricia 2 medici, 1 infermiere, 1 ostetricia e 2 OSS

  7. Medicina 1 medico 1 coordinatore 1 OSS

  8. Cardiologia 1 medico 1 coordinatore

  9. Pediatria 2 medici, 2 infermieri

  10. Centro Trasfusionale 2 medici

  11. Chirurgia 1 medico 1 coordinatore 1 infermiere

  12. Ortopedia 1 medico 2 OSS

  13. Dialisi 1 medico

“Il Segretario Marcello Ferretti , la RSU Franca Petrella e Attilio Mascitelli  evidenziano che l’attuale dotazione organica, già insufficiente nel Presidio Ospedaliero di Sulmona, deve garantire l’erogazione delle normali attività assistenziali e di cura anche presso il nosocomio di Castel di Sangro.

Riteniamo che sia doveroso offrire servizi e professionalità nel presidio di Castel di Sangro, ma ciò deve avvenire attraverso una politica di nuove assunzioni di personale, senza andare a gravare sulla dotazione organica già ristretta del nosocomio di Sulmona.

La Uil FPL invita il comitato ristretto dei sindaci e tutte le istituzioni presenti  ad intervenire presso la regione affinché riduca i tagli sul personale, lo sblocco del turn over e metta in atto una serie di politiche sanitarie rivolte ad una più equa distribuzione dei servizi ,che  tenga conto non soltanto del numero di abitanti, ma di tutte le peculiarità che contraddistinguono un territorio particolare come l’Abruzzo interno.

Infine – conclude la nota di Marcello Ferretti della Segreteria Provinciale Uil Fp-l’auspicio è quello di ritrovare un senso di unitarietà in tutta la provincia per reagire e programmare un cammino di rilancio comune, soprattutto in questo momento di particolare difficoltà per l’Abruzzo interno”.(h. 17,15)

 

 

Leave a Reply


Trackbacks