Mercoledi, 19 dicembre 2018

Sulmona: al Caniglia concerto del pianista Simone Sala


2018/11/26 11:590 comments

Sulmona,26 novembre- Concerto  a Sulmona, nel Teatro Comunale Maria Caniglia,  di  Simone Sala, per l’appuntamento  numero sei della 66^ Stagione  della Camerata Musicale Sulmonese. Come programma di sala sono state eseguite composizioni di Liszt quali Dauxième Annèe de Pèlerinage Sposalizio, Studio Trascendentale Opera numero nove Armonie della sera, Deuxième Annèe de Pèlerinage fantasia quasi Sonata Après une lecture du dante. Di Rachamaninov quattro Preludi: opera numero tre numero due lento rispettivamente le opere numeri trentadue numero undici, ventitré numero quattro, e ventitré numero cinque; di Saint Saèns Liszt dance Macabre opera numero quaranta ed infine, quale brano finale del bis, di Liszt è stato eseguito il sogno d’amore a chiusura di un concerto straordinario. Simone Sala è un pianista e compositore italiano, che ha fatto della poliedricità  e dell’eclettismo, l’epicentro del suo messaggio artistico straordinario, attraverso la scelta di un repertorio che spazia dalla classica al latin jazz, senza disdegnare le musiche da film, la canzone d’autore, rielaborata sempre in chiave molto personale. Sala nasce nel  Molise,  in una famiglia di lunga e prestigiosa tradizione musicale.

Inizia sin da giovanissimo lo studio della musica e del pianoforte. All’età di dieci anni fa il suo ingresso nel Conservatorio Perosi di Campobasso, nel quale ottiene il  primo degree universitario, a soli venti anni, con il massimo dei voti lode e menzione d’onore. In seguito continua gli studi a Napoli sotto la guida e l’egida della  pianista Annamaria Pennella sino al 2005, anno nel quale incontra Joaquin Achucarro durante un corso estivo all’Accademia Chigiana di Siena. L’anno successivo vince una borsa di studio integrale (la più alta in palio tra quelle messe in palio) presso la Southern Methodist University di Dallas, dove ha occasione di studiare e conseguire la seconda laurea. Vincitore di più di trenta premi in un arco di tempo di quindici anni di partecipazioni alle competizioni pianistiche di tutto il mondo, nonché della medaglia al merito della Regione Molise e di quella Onorifica della Presidenza della Repubblica Italiana, riservate ai giovani che hanno particolari meriti nell’ambito della cultura e delle arti, Simone Sala svolge un’intensissima attività volta al concertismo ed alla produzione di eventi musicali, collezionando una lunghissima serie di performance oltre che in tutta Italia, anche in Spagna, Inghilterra, Polonia, Stati Uniti, Sud America e Thailandia sia da solista, sia con gruppi da camera, oltre che come solista con orchestra

L’attenzione si sposta ora a domenica 2 dicembre 2018, sempre al Teatro  Caniglia, con Gennaro Cannavacciuolo per Yves Montand un Italiano a Parigi. Con lui ci saranno Dario Perini al pianoforte, Andrea Tardioli al sax e clarinetto, Flavia Ostini al contrabbasso, Antonio Donatone alle percussioni, Roberto Croce ai movimenti coreografici, Eva Sgrò alle scenografie, Valeria d’Orazio aiuto Regia, Alfonso d’Emilio datore luci, Patrizia Loreti e Marco Mete alle voci registrate.

Andrea Pantaleo

 

Leave a Reply


Trackbacks