Martedi, 26 settembre 2017

Sulmona: affondo di Sbic “Amministrazione comunale nel caos”


2017/09/15 12:261 comment

 

 

Nel mirino del Movimento “Sulmona Bene in Comune” la vicenda delle scuole e la gestione del settore dei LL.PP.  ma anche le promesse non mantenute dell’Assessore. La storia dei Musp e i ritardi che si vanno accumulando ma anche il Di Nino-Morandi, il Liceo Classico Ovidio, la Masciangioli e perfino l’asilo Regina Margherita. Insomma nonostante la riapertura regolare delle scuole la polemica politica è destinata a salire di toni.

 

 

 Sulmona, 15 settembre– l caos regna sovrano, senza che nessuno dall’Amministrazione attiva sembri rendersene conto. Tra le tante situazioni difficili che la nostra città sta vivendo in questo periodo quella delle scuole cittadine è tra le più oscure.  La vicenda della messa in opera dei MUSP si sta sviluppando con un ritardo incredibile.

Lo scorso 31 Luglio, in Consiglio Comunale, l’Assessore ai LLPP, in risposta a un’interrogazione presentata dalla minoranza, aveva garantito la riapertura della scuola Masciangioli nei tempi dettati dal calendario scolastico, nei locali provvisori MUSP, che risultavano già ordinati e costruiti e che dovevano essere “solo” posati. I lavori adesso sembrano bloccati: noi (i cittadini) vogliamo sapere perché, per quali responsabilità e quando i bambini potranno accedere alla struttura.

La scuola materna Regina Margherita, che nello scorso anno scolastico era inagibile e ora come d’incanto, per intervento, forse, di forze superiori, nel giro di una notte è tornata agibile e ospitale per gli ignari bambini. Ora noi (i cittadini) vogliamo sapere il perché di questa nuova determinazione e chi se ne assume la responsabilità.

E della lunga storia del Liceo Classico? Noi vogliamo sapere. E delle nebbiose pastoie burocratiche della vicenda incancrenita del Di Nino-Morandi? Il Comune, l’Ente più vicino ai cittadini, ci deve dire lo stato dell’arte. E poi ci sono gli alunni costretti nelle aule del pollaio della ex Croce Rossa: nella loro sede, la Primaria Lombardo Radice, i lavori non sono ancora cominciati, forse anche lì per errori di gestione. Ora noi (i cittadini) vogliamo sapere perché. Sciatteria? Menefreghismo? Incompetenza? Incapacità? Fate voi. 

Gli Assessori ai LLPP e ai servizi scolastici, in pubblica assemblea con i genitori degli alunni della Masciangioli hanno addebitato le responsabilità del caos ai dipendenti, ancora una volta a quella macchina amministrativa su cui la politica, l’Amministrazione Casini, non è riuscita ad intervenire, mostrando tutti i suoi limiti e la sua inconsistenza.

Sindaco e maggioranza hanno vinto con ampio consenso le elezioni e non riescono a dare risposte, non riescono a mettere ordine nel caos, che almeno diano conto ai cittadini, almeno informino dello stato dell’arte almeno facciano chiarezza sulle loro stesse responsabilità. Sindaco, vada a bordo.. (h. 12,15)

 

 

1 Comment

  • musichiere

    bene,regna il caos,tutti contro tutti,con responsabilita’ sempre altrui,normalmente il comandante,il capo,boss,la persona in cima alla piramide di comando,piu’ alta ingrado,incarico,ecc
    da le direttive,impone le linee guida,i target,gli obiettivi
    ,inclusi bonus, avanzamenti,meriti,vantaggi economici,ecc
    naturalmente indica il traguardo ,i risultati (fattibili) da raggiungere,ovvio per gli interessi,benefici.ritorni in generale dell’azienza,prodotti,servizi,produzione generale,ecc,
    ecc.. il tutto rigorosamente possibile,realizzabile…dunque? Innanzitutto quale e’l’azienda,attiva,produttiva,beni,
    servizi,efficienza, aggiormamento tecnologico, evoluzione, dinamicita’,risposte alle esigenze,ecc,ecc nulla,fallimentare
    …di conseguenza il management, amministratori incapaci responsabili del disastro….altro che “investimenti considerevoli per l’incremento….” di che?

Leave a Reply


Trackbacks