Attualità

Reparto penitenziario ospedaliero: Nardella (UIL), apre il primo di febbraio?….Forse.

Sulmona,24 gennaio Sembrerebbe  abbia sortito un positivo effetto la richiesta di immediata apertura del reparto per detenuti presso l’Ospedale Civile di Sulmona da parte della UIL PA Polizia Penitenziaria Provinciale dell’Aquila.Lo ha annunciato stamani  il  Segretario Generale Territoriale UIL PA Polizia penitenziaria Mauro Nardella –

“Dopo la dura presa di posizione del Segretario Generale Territoriale, che per l’occasione ha “scomodato” il Prefetto dell’Aquila e i vertici regionali della politica, della sanità e dell’Amministrazione Penitenziaria abruzzese, parrebbe ( il condizionale purtroppo è d’obbligo attese le condizioni poste e che vedono propedeutica per l’utilizzo del reparto blindato l’attivazione dell’unità operativa di lungodegenza) che il primo Febbraio – aggiunge Nardella- la Direzione del carcere di massima sicurezza  peligno verrà in possesso delle chiavi delle camere di sicurezza insistenti presso il nosocomio sulmonese con conseguente utilizzo, quindi, delle stesse per qualsiasi evenienza caratterizzerà il vissuto dei detenuti ristretti a Sulmona in quel dell’ospedale cittadino”.

 “Fortemente voluto dalla Uil PA Polizia penitenziaria aquilana – spiega una nota– dopo la richiesta ed ottenimento sempre ad opera della stessa della chiusura del vecchio e per nulla sicuro repartino ubicato nei sotterranei dell’ala vecchia, il nuovo ed avveniristico alloggio consentirà una migliore, più sicura e confortevole gestione non solo dei ricoveri dei più pericolosi criminali italiani ( tali sono i detenuti ristretti nel penitenziario ovidiano poiché tutti di estrazione mafiosa e tutti ricadenti nel circuito dell’Alta sicurezza e Collaboratori di Giustizia) ma anche della temporanea ubicazione, in caso di invio presso l’ospedale, di qualsiasi arrestato necessitante di cure ovvero da piantonare”.(h.9,00)

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.