Lunedi, 17 dicembre 2018

Raiano: sulla condizione del Poliambulatorio esplode la polemica


2018/04/14 18:350 comments

Raiano, 14 aprile– Il deperimento della struttura di Raiano, destinata a suo tempo a Poliambulatorio, è un chiaro esempio di sperpero di denaro pubblico. Ben 300.000,00 Euro di risorse pubbliche buttate al vento.  Una struttura finita e mai utilizzata per lo scopo per cui era nata, per anni lasciata nell’incuria totale. La denuncia arriva questa sera da una nota del Circolo di “Liberi e Uguali” di Raiano.

Ricordando che, per la realizzazione del II° lotto, nel 2008, erano stati stanziati altri 516.000,00 Euro (APQ 2008 – fondi dell’art.20 L. 67/88), utilizzati poi all’Aquila a seguito del sisma del 6 aprile 2009: fondi mai più restituiti e da nessuno reclamati successivamente.

Risorse, riteniamo, che debbano essere restituite a Raiano, non solo utili per recuperare la struttura già esistente, ma necessari anche – prosegue la nota- per ampliarla così da realizzare una moderna sede in cui ospitare l’Ambulatorio di Senologia, l’Ambulatorio per i Medici di Base, Poliambulatorio e anche Consultorio Familiare, uno Sportello Accettazioni, per fornire ai cittadini di Raiano, Prezza, Vittorito e Corfinio, servizi territoriali analoghi a quelli offerti a Sulmona, Pratola e la Valle Subequana, se si vuole essere coerenti quando si parla di Sanità nel territorio.

 Di questo non si parla, anzi, è ancora più grave, che la ASL abbia attestato che la struttura del Poliambulatorio di Raiano non sarebbe più recuperabile e decide di effettuare altre scelte di tipo privato con ulteriore grave sperpero di denaro pubblico, lasciando alla nostra comunità una struttura in lento ma inesorabile declino. (h. 18,00)

Leave a Reply


Trackbacks