Cultura

Premio Croce 2020: definite le terne dei finalisti

Pescasseroli,6 marzo- La Giuria del Premio Nazionale di Cultura Benedetto Croce di Pescasseroli, presieduta da Dacia Maraini e composta da Luca Serianni, Nicola Mattoscio, Costantino Felice, Alessandra Tarquini, Michele Ainis e Emma Giammattei ha definito le terne di opere finaliste dell’edizione 2020 del Premio, la XV, che si terrà il 23, 24 e 25 Luglio nella capitale del Parco. Lo ha annunciato il Comitato Organizzatore del Premio.

Le terne sono così composte: Narrativa: Silvia Ballestra, “La nuova stagione”, editrice Bompiani; Marcello Fois, “Pietro e Paolo” (Einaudi); Elena Stancanelli, ”Venne alla spiaggia un assassino” (La nave di teseo”). Letteratura Giornalistica: Roberta Scorranese, “Portami dove sei nata” (Bompiani); Francesco Erbani, “L’Italia che non ci sta” (Einaudi); Ilaria Cucchi/ Fabio Anselmo, “Il coraggio e l’amore” (Rizzoli). Saggistica: Walter Barberis, “Storia senza perdono” (Einaudi); Marcello Flores/Mimmo Franzinelli, “Storia della Resistenza” (Laterza); Felice Cavallaro, “Sciascia l’eretico”, (Solferino).

Storia e storie,  attualità, letteratura contemporanea, ecologia, un mix di argomenti in linea con l’impostazione del Premio che tende ad interpretare il presente alla luce del pensiero crociano. Con un occhio attento all’Abruzzo, sia nella storia di una comunità della provincia di Teramo raccontata da Roberta Scorranese e sia negli esempi di resilienza (Pizzoferrato e Anversa degli Abruzzi) narrati nel libro di Francesco Erbani. Le opere pervenute, in tutto 72, sono state candidate da 35 Case Editrici di tutta Italia.

Dalla prossima settimana le 32 giurie popolari inizieranno a lavorare, nonostante i problemi che, soprattutto nelle scuole, ha costretto gli organizzatori a rivoluzionare il calendario della presentazione dei testi ai componenti le giurie. Le giurie popolari, a questo punto, avranno due mesi di tempo per esaminare le opere e formulare il proprio giudizio. L’assemblea conclusiva per l’annuncio delle scelte delle giurie popolari si terrà a Teramo, presso il Teatro Comunale, Venerdì 22 Maggio, alla presenza del presidente nazionale dell’Associazione Italiana Editori Riccardo Franco Levi.

Successivamente, sabato 23 maggio si terrà ad Atri, presso il teatro Comunale, un convegno sul “Mezzogiorno nell’Italia unita”. I vincitori dell’edizione 2020 saranno resi noti dalla giuria, esaminato anche il verdetto delle Giurie Popolari, alla fine di Giugno. (h.8,00)

 

 

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.