Venerdi, 26 aprile 2019

Pratola Peliga: riaperto il Santuario della Madonna della Libera


2019/04/15 18:240 comments

 

Pratola Peligna,15 aprile– Come previsto, in tantissimi hanno assistito alla riapertura del Santuario della Madonna della Libera di  Pratola Peligna: fedeli giunti anche dai centri vicini. E poi  rappresentanti delle Istituzioni, Sindaci con la fascia tricolore, pellegrini, tanta gente comune.

Il Vescovo, il parroco, il sindaco.… tutti hanno voluto dire qualcosa, per ricordare i momenti tristi, lo sconforto, il duro lavoro, e finalmente le conquiste, che hanno portato a questo traguardo tanto agognato da tutta la comunità pratolana, e non solo.
Gli interventi di consolidamento hanno seguito criteri innovativi, sono stati eseguiti con tecniche mai usate prima in edifici sottoposti a vincolo, tanto da diventare argomento di tesi di laurea e di articoli pubblicati in riviste specializzate: il risultato è stato eccellente, dall’impatto visivo minimo; davvero sembra che il Santuario non abbia subito il benché minimo danno! Il merito di quest’opera va a tutta la squadra che ha lavorato alacremente sotto la guida attenta dell’ingegnere Paolo Petrella.

L’intervento sulla volta è stato altrettanto delicato, gli affreschi sono stati ripuliti minuziosamente   particolato che in tanti anni si era depositato, e ora tutto risplende di viva luminosità. Oltre all’aspetto squisitamente tecnico-artistico della riapertura del Santuario, quello che è saltato subito agli occhi è lo spirito di coesione e di collaborazione che da sempre contraddistingue la comunità pratolana. Tutti hanno sofferto in questi due anni e mezzo, tutti si sono dati da fare per reperire fondi utili alla causa;
quando il Santuario è stato chiuso, i coniugi Rachele e Vincenzo Margiotta hanno immediatamente messo a disposizione gratuitamente i locali del cinema teatro D’Andrea; quando si è dovuto far ricorso ad una tensostruttura, la BCC, nella persona del presidente Maria Assunta Rossi, ha provveduto a sostenerne i costi; lo stesso ingegnere Petrella ha lavorato a titolo completamente gratuito; e così ha fatto la ditta Di Nino, sempre pronta a fornire uomini e mezzi di trasporto.

Insomma una coralità di intenti e sentimenti, una gara di solidarietà diffusa, che è il vero punto di forza dei pratolani, e che si è poi tradotto in un coro altissimo levato al cielo allorquando la statua della Madonna ha fatto il suo ingresso in Chiesa: è stato il momento più emozionante, il momento che tutti aspettavano: la Madonna è finalmente tornata a casa. (h.18,00)

Francesca De Luca

Leave a Reply


Trackbacks