Giovedi, 23 maggio 2019

Pratola: in migliaia per la Cerimonia della Madonna della Libera


2019/05/06 21:250 comments

Pratola Peligna, 6 maggio- In migliaia  a Pratola Peligna, per la cerimonia in onore della Madonna della Libera, quale continuità di preziosa identità storico religiosa della cittadina. Presenti il Sindaco di Pratola Peligna Antonella Di Nino,  autorità militari della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri con il comandante della stazione Giuseppe Gravina, della Guardia Di Finanza, della Polizia Penitenziaria. Presente una delegazione del Canada, dell’Arciconfraternita della Santissima Trinità di Sulmona assieme alle confraternite della cittadina di Pratola Peligna, una delegazione dell’Associazione priori di Sant’Antonio Abate di Assisi. Al termine della messa la processione ha avuto inizio: la statua della Madonna all’uscita dal santuario è stata accolta da un lungo ed interminabile applauso da parte della folla in attesa. La processione si è snodata lungo le vie principali del centro storico cittadino, preceduta dalla banda musicale la quale ha eseguito celebri composizioni musicali. Molta l’emozione anche per la presenza di cittadini pratolani giunti da ogni località nazionale ed estera. Si temeva per le condizioni meteorologiche ma in seguito fortunatamente il tempo è andato per il meglio senza precipitazioni. Toccante il momento del passaggio della statua della Madonna con i fedeli che, dalle finestre, lanciavano bigliettini colorati quale forma di rispetto e tradizione. La cerimonia della Madonna della Libera ha origini  antichissime  e rappresenta un patrimonio storico autorevole per la comunità pratolana. I festeggiamenti della Madonna della Libera quest’anno hanno un’emozione in più, considerando la riapertura del santuario secolare dopo i lavori di restauro per i danneggiamenti avutosi a causa del terremoto, cerimonia avutasi il tredici aprile scorso. Gli appuntamenti sono proseguiti nella serata, con il tradizionale concerto bandistico dell’orchestra di fiati della città di Bari, il cui direttore è Giovanni Pellegrini, il quale si è svolto in piazza Garibaldi. I prossimi giorni vedranno altri appuntamenti con il concerto di Marco Formichetti in programma venerdì dieci maggio alle ventuno e trenta in Piazza Garibaldi, l’Orchestra spettacolo Noemi Gigante in programma giovedì nove maggio alle ventuno e trenta sempre in Piazza Garibaldi, per una serata la quale sarà dedicata al liscio, balli di gruppo, musica anni sessanta, settanta, ottanta e novanta; da menzionare e non dimenticare la rassegna d’arte contemporanea dei pittori peligni, la quale si terrà a palazzo Colella dal ventisei maggio al nove giugno. L’Abruzzo è ricco di tradizioni secolari le quali costituiscono il mosaico storico culturale, l’identità millenaria della  nostra gente.

 

Andrea Pantaleo

Leave a Reply


Trackbacks