Lunedi, 17 dicembre 2018

Passata la festa…


2018/03/07 10:023 comments

 

Massimo Carugno della Segreteria nazionale del Partito Socialista avvia una riflessione opportuna sulla condizione della città, sui tanti  problemi che aspettano risposte precise e puntuali   da parte del Governo e della Regione. L’occasione nasce dal progetto della bretella ferroviaria che oggi sarà spiegato per la prima volta ai sulmonesi ma che rappresenta anche  una scelta costosa  piovuta addosso al territorio  senza condivisione alcuna e con il  silenzio irritante della classe politica locale e dell’Amministrazione comunale. Ma quella della bretella non è il solo problema da affrontare. C’è anche il nodo del Tribunale e della questione Snam fra le priorità per la neo senatrice Di Girolamo

 Sulmona, 7 marzo- Oggi sembra che verrà qualcuno da fuori, dagli alti piani della azienda Ferrovie, a spiegarci che la bretella ferroviaria è un regalo invece di essere uno sfregio. Sul perché questo intervento è inutile, dannoso, offensivo ed è uno sperpero di denari pubblici mi sono già espresso più volte ed in maniera diffusa in queste ultime settimane.

“Il vero motivo segreto della sua realizzazione e le sue implicazioni sul Corridoio5 e sui tentativi di deviarlo dal suo tracciato naturale sono state ampiamente illustrate. E’ doloroso – spiega Massimo Carugno– che l’artefice di questa cena delle beffe, nella quale saranno serviti “fiori di pascolo di origine bovina” facendoceli passare per “profiterole al cioccolato”, sia proprio chi dovrebbe guidare il dissenso, la protesta e la ferma opposizione a tale scempio.

Ne renderà conto alla città al momento opportuno. La neoeletta senatrice Gabriella Di Girolamo, alla quale va il mio sincero in bocca al lupo, unica parlamentare di questo territorio, dovrà occuparsi anche di questo, della centrale Snam, dell’ospedale, del tribunale, della coesione del territorio, dei collegamenti infrastrutturali all’interno del comprensorio e tra il comprensorio e l’esterno, della crescita e sviluppo delle attività culturali, della salvaguardia del patrimonio monumentale, della tutela e sviluppo di quello ambientale, del funzionamento dei parchi, della occupazione, delle Pmi….e mi fermo qui per non tediare.

Per fare questo dovrà uscire dal “blog” e dagli slogan.  Spero, per il bene del paese e di questo nostro territorio, che il 4 marzo 2018 non diventi una delle date da annotare nella cronologia dei disastri.  Colgo l’occasione per ringraziare tutte le persone che hanno ritenuto di darmi fiducia con il loro consenso e coloro che pur non avendolo fatto, hanno comunque pensato di farlo. La loro stima, manifestata in un clima così ostile e sfavorevole, resta per me, una grandissima soddisfazione.  Per aspera ad astra”.(h.9,30)

3 Comments

  • Qualcosa grammaticalmente e concettualmente è errato.

    Cito:”L’artefice di questa cena delle beffe” e “ne renderà conto alla città al momento opportuno”; ma chi è il soggetto?

    E’ il silenzio irritante della classe politica locale e dell’Amministrazione comunale; l’amministrazione comunale è facilmente distinguibile, ma per la classe politica locale? Chi sono i buoni e chi i cattivi? Tutti? Nessuno? Qualche nome?

    Per la redazione, invece consiglierei una attenzione maggiore nella cura dell’impaginazione degli articoli, dovenel presente articolo, si unisce “Ne renderà conto alla città al momento opportuno. La neoeletta senatrice Gabriella Di Girolamo,..”.
    Il punto c’è, ma l’andata a capo no e chi legge (io per primo) può fare abbinamenti strani e forzati.

    Anche lo stesso Carugno parte con la bretella e poi…resta in mutande… e già, maledetto 4 marzo 2018.

    E’ proprio vero, passata la festa… 🙂

    • Caro sig. Temp ( ma perchè si nasconde quando la conosciamo tutti) con questa sua filosafia di professrino del c.. non le sembra di abusare anche della nostra pazienza ?

      • Ho analizzato una nota e non riesco a trovare un soggetto, come anche l’impaginazione mi lascia un po’ perplesso è questa la colpa che mi si muove?

        Se ho commesso errori di interpretazione, basta segnalarmeli.

        Non mi sembra di aver fatto filosofia, tento di fare della critica costruttiva; ne tantomeno penso di aver commesso abusi di alcun genere.

Leave a Reply


Trackbacks