Lunedi, 18 marzo 2019

Ospedale: subito il dirigente medico ad oncologia. Ed esplode la polemica


2019/03/13 18:450 comments

 

 

Sulmona, 13 marzo– La CISL Medici e la CISL FP hanno inviato questa mattina una richiesta imperativa al Direttore Generale rispetto alla criticità della UOS di Oncologia Medica di Sulmona. Con la lettera (a firma di Mauro Incorvati e Gianna Tollis) si chiede l’invio di un altro Dirigente Medico.

Con il pensionamento del Dottor Saggio e il trasferimento del Dottor Guglielmi, infatti, l’Oncologia di Sulmona è attualmente a carico di un solo Dirigente Medico. E’ impensabile che la Dottoressa Cocciolone, che con grande senso di responsabilità si è caricata dell’enorme lavoro  lasciato dai suoi predecessori, possa continuare per molto tempo mantenendo gli attuali ritmi.

L’Oncologia – scrive ancora la Cisl – è una specialistica estremamente complessa. Il paziente oncologico e i suoi familiari sono particolarmente fragili, necessitano di continue rassicurazioni; il paziente oncologico ha bisogno di controlli frequenti e molto spesso l’Oncologo funziona da punto di raccordo rispetto a molte altre specializzazioni.

Nell’Oncologia di Sulmona, inoltre, si effettua la chemioterapia, percorso terapeutico quanto mai complesso che richiede particolare attenzione. La richiesta avanzata dalla CISL Medici e FP riguarda l’invio di un altro Dirigente Medico, come d’altronde promesso da questa dirigenza alla vigilia del pensionamento del Dottor Saggio, nell’autunno scorso. Il Direttore Generale, la Direttrice Sanitaria e tutta la Dirigenza di questa Azienda non possono trascurare l’Oncologia di Sulmona creando gravi danni alla popolazione e ad un intero territorio.

La CISL Medici e la CISL FP si fanno portavoce di Operatori, Pazienti e territorio affinché l’attività della  Oncologia Medica di Sulmona possa tornare a fornire un servizio eccellente, essenziale e prontamente rispondente alle necessità di un territorio vasto in cui la frequenza di malattia oncologica risulta, purtroppo, più alta della media nazionale. Riterremo responsabile la Dirigenza di questa Azienda se dovessero sopraggiungere  disagi per i  pazienti oncologici o situazioni di criticità del percorso di diagnosi e cura. Questa urgente e imperativa richiesta è fatta a difesa di pazienti particolarmente fragili, a difesa del territorio e dei servizi che vi insistono, a difesa degli Operatori della Sanità che non possono e non devono rischiare sulla propria persona per una palese inadempienza da parte dell’Azienda”.(h. 18,00)

SALVATI  PORRE RIMEDIO SUBITO PER GARANTIRE UNA SANITA’ PIU’  VICINA AI CITTADINI

Sulmona, 13 marzo– “Una sanità più vicina ai cittadini, soprattutto nei momenti di malattia come chi, quotidianamente deve affrontare cicli di chemio e radioterapia”.

Roberta Salvati, consigliere comunale di Sulmona interviene sul problema dell’ospedale di Sulmona “dove” rimarca Salvati “urge un potenziamento del reparto di oncologia  per la chemioterapia e l’apertura di un centro radioterapico nell’ospedale di Sulmona. I pazienti residenti nel territorio peligno-Altosangrino che devono sottoporsi a radioterapia sono costretti a raggiungere gli ospedali dei capoluoghi di Provincia con notevoli disagi, a questo si aggiunge il depotenziamento del reparto con un solo medico all’attivo.

Non è sostenibile, in un Comune come il nostro” aggiunge “con un ospedale appena inaugurato una carenza di un servizio fondamentale. Si parla sempre più spesso di riempire il nuovo ospedale di contenuti, ecco è giunto il momento di farlo”. E la Salvati lancia un appello al consiglio regionale ai consiglieri eletti nel territorio, Marianna Scoccia, Roberto Santangelo e Antonietta La Porta, e al presidente della giunta regionale Marco Marsilio affinché si facciano carico di questa urgentissima situazione.

“Bisogna evitare che i pazienti siano costretti” conclude “ a percorrere kilometri per raggiungere le strutture sanitarie di Chieti, Pescara o L’Aquila tutti i giorni per cure che si protraggono per mesi. I pazienti vanno tutelati ed è giunto il momento di porre rimedio a tanto disagio vissuto da chi soffre già molto”. (h. 18,45)

“PATTO PER SULMONA”, SUBITO UN CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO

 Sulmona, 13 marzo- Questa incredibile vicenda che si verifica ancora nella nostra città merita subito risposte immediate. Basta con il balletto delle  dichiarazioni, iniziative vuote e generiche solo per apparire. Lo rileva questa sera il Movimento “Patto per Sulmona”.

“Occorrono misure precise ed immmediate. Il Consiglio comunale di Sulmona, ad esempio, si riunisca con urgenza e affronti il problema e dopo tante chiacchiere e balletti vari assuma una decisione precisa. Oggi c’è un nuovo Consiglio regionale e un nuovo governo della Regione – spiega il Coordinatore Massimiliano Ventresca –  quindi non ci sono più scuse. Questo territorio aspetta solo risultati”. (h. 19,00)

 

 

 

Leave a Reply


Trackbacks