Mercoledi, 19 dicembre 2018

Orsa Peppina a Pettorano l’Atc fa scattare il divieto di caccia


2018/11/16 16:301 comment

Sulmona, 16 novembre Il presidente dell’Ambito Territoriale di Caccia di Sulmona, Marco Del Castello,   ha disposto la chiusura totale della caccia nell’area del Comune di Pettorano sul Gizio, all’esterno della Riserva Naturale Regionale “Monte Genzana”, ma compresa nell’Atc di Sulmona, area scelta dall’orsa Peppina e dai suoi tre cuccioli per l’alimentazione e lo svernamento. Prendendo atto dei dati della rete di monitoraggio dell’Orso bruno marsicano che ne hanno certificato la presenza ormai costante.”Questo è un momento della stagione molto delicato per la conservazione della specie – ha spiegato Marco Del Castello – ho così raccolto l’invito del direttore della Riserva Naturale ed ho deciso di sospendere l’attività venatoria in quella porzione di territorio ricadente nel Comune di Pettorano e nell’Atc di Sulmona, sia al cinghiale, sia per le altre specie cacciabili. L’obiettivo è quello di garantire in questa fase di iperfagia preletargica il minimo disturbo all’orsa Peppina ed ai suoi tre cuccioli presenti nel territorio, quale specie tutelata da norme nazionali ed internazionali e quale simbolo e orgoglio della nostra fauna autoctona. E’ una decisione di responsabilità adottata in maniera convinta nell’ambito di un percorso più ampio di collaborazione che da qualche anno è stato avviato – spiega il presidente dell’Atc di Sulmona– con tutti gli organismi più importanti di gestione delle Aree Protette della nostra regione”.  In una nota il Presidente Del Castello ha fatto anche sapere  durante il periodo di divieto dell’attività venatoria saranno compiuti sopralluoghi congiunti tra tecnici della Riserva e dell’Atc per accertare l’effettiva presenza dell’orsa Peppina e dei cuccioli per poi concordare l’eventuale riapertura della caccia  nella stessa area. (h. 16,30)

1 Comment

  • Ezio Pelino

    Bene! Finalmemnte un’ autorità locale che si preoccupa della salvaguardia degli orsi, orgoglio di noi abruzzesi.

Leave a Reply


Trackbacks