Politica

Ora può iniziare la nuova stagione del Pd sulmonese. Forse

Soddisfazione in casa del Movimento “Solidali e popolari” (Di Benedetto) per il  risultato ottenuto ieri a Sulmona dal PD. Un risultato, sostengono, che apre scenari nuovi nella politica cittadina e consente  ai Dem di lavorare per costruire, nel segno dell’unità, un partito  nuovo, più forte, coeso e soprattutto rinnovato nei metodi e nei programmi. Sarà possibile? Lo capiremo presto anche perchè la città ha urgente bisogno di rimettersi in moto, recuperare il tempo perso e sopratutto  restituire   al Centro Abruzzo  un ruolo preciso nello scacchiere della politica regionale.

Sulmona, 27 maggio – “Un importante passo avanti che ci porta a credere che il progetto messo in piedi alle passate regionali possa continuare a camminare verso l’unico obiettivo che ci siamo posti: dare risposte alle esigenze delle persone anche attraverso la ricostruzione di un partito, il PD, unito e scevro da logiche divisorie perché, senza un progetto condiviso e partecipato, l’impegno sarebbe vanificato”. E’ soddisfatto Mimmo Di Benedetto e con lui coloro che si sono schierati a favore dell’idea di rinnovamento del centrosinistra, all’indomani dei risultati elettorali ottenuti, a livello locale e nazionale dal Partito Democratico, ridiventando forza centrale per una vera e valida alternativa di governo allo schieramento sovranista e populista.

“Dopo il voto di ieri andiamo avanti, dunque, con ancora maggiore forza nel processo di rinnovamento del partito e della nostra Città. Quello che ci fa ben sperare è che finalmente, sebbene ci sia ancora molto da fare, a Sulmona non si ha più voglia di rinchiudersi nel proprio fortino pensando che così ci si difenda meglio dai “nemici”, soprattutto quelli immaginari, che hanno affollato la mente di alcuni esponenti della (ex?) classe dirigente del partito. E’ questo ciò che percepiamo parlando quotidianamente con gli elettori del centrosinistra che non vogliono più accettare la deriva in cui il Pd del capoluogo peligno stava andando soprattutto per una conduzione autoritaria e personalistica di pochi, di un partito che invece, per sua natura, è inclusivo e plurale. Da qui l’invito alla dirigenza dem provinciale e regionale “affinchè, in linea con quanto messo già in campo dal segretario nazionale Zingaretti, ponga attenzione per agevolare la rivitalizzazione di un partito che possa esprimere un’idea di rilancio per la nostra Città e l’intero territorio”.  (h. 16,00)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.