Attualità

Limmari, Di Donato ricevuto all’Ambasciata di Germania: avvio di un dialogo

Roccaraso,16 ottobre– L’idea di  iniziare un percorso di lavoro insieme per ricordare la strage di Limmari è stata al centro di un colloquio che il sindaco di Roccaraso, Francesco Di Donato, ha tenuto ieri nella sede dell’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania a Roma con il Vice Capo Missione Klemens Moemkes e con il Capo dell’Ufficio politico, Niklas Wagner.
Il Sindaco Di Donato ha accennato il progetto di un Parco della memoria. “L’Ambasciata ha mostrato attenzione e sensibilità nei confronti di questa nostra iniziativa di poter finalmente realizzare a Pietransieri un polo culturale dedicato alla pace, ha spiegato il sindaco di Roccaraso, Francesco Di Donato. “Ci sono quindi le condizioni per avviare un dialogo perché la strage di Limmari è una ferita ancora aperta nella nostra comunità che merita rispetto e attenzione. Il Comune vorrebbe realizzare a Pietransieri non un semplice monumento dedicato alla memoria, ma una vera e propria area capace di ospitare le scuole e momenti di confronto di alto livello istituzionale. Ai rappresentanti del Governo tedesco ho spiegato che il nostro obiettivo è quello di dare alla memoria di Limmari la stessa attenzione e lo stesso riconoscimento normativo che altre realtà hanno già ottenuto da tempo”.
Il Vice Capo Missione Klemens Moemkes ha illustrato il “Fondo italo-tedesco per il Futuro” per sostenere iniziative a tutela della memoria. L’Ambasciata e il Sindaco sono rimasti d’accordo di avviare un dialogo per valutare in che maniera si potrà cooperare insieme in tal senso.

One Comment

  1. Andrea Pantaleo

    Gli Angeli di Pietransieri

    La serenità
    dei nostri monti,
    degli abitanti
    è
    tragicamente sconvolta
    dalla politica dissennata
    che turba
    la pace, le abitudini, i valori
    dei Nostri Progenitori;
    la splendida civiltà rurale
    dall’incanto ancestrale.
    Invasori, Italiani, Alleati
    vittime
    dell’esaltazione delirante
    d’un falso, assurdo, folle
    destino brillante,
    di eventi
    inarrestabili, travolgenti.
    Il bosco di Limmari
    affascinante nella secolarità,
    scenario di favola,
    si trasforma
    in luogo di terrore
    perché la guerra
    è perversione
    dell’umana ragione.
    Esseri fragili, indifesi, innocenti
    vengono barbaramente trucidati
    tra quegli alberi
    maestosi, imponenti,
    simbolo di vita,
    d’affettuosa protezione
    per la popolazione.
    In quella natura particolare
    aleggia
    atmosfera sacrale:
    il ricordo
    di quel giorno autunnale
    momento
    d’eccidio infernale.
    Riposano
    nella Terra Natia
    vicino ai Loro Cari,
    nel Sacrario
    quale monito perenne
    del martirio sconvolgente.

    Andrea Pantaleo

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.