Attualità

Leon Freyne vince la 569^ corsa degli Zingari a Pacentro

Pacentro, 8 settembre– Pubblico delle grandi occasioni questo pomeriggio a Pacentro, paese dell’Abruzzo ulteriore, per la 569^  corsa degli zingari, una  gara che  richiama in paese tanta gente, sopratutto turisti, ma anche  i pacentrani i  che tornano  in paese  per l’occasione da ogni parte del mondo. La corsa degli zingari, come da tradizione vuole, è stata proceduta dalla corsa degli zingarelli, nella quale protagonisti sono i bambini i quali rappresentano il fondamentale futuro.

La partenza ed il traguardo della corsa degli zingarelli è stata la chiesa della Madonna di Loreto. In seguito ha avuto luogo la corsa degli zingari che, quest’anno, ha visto la partecipazione di trentaquattro concorrenti, i quali partono dal colle denominato ardingo, contrassegnato dal tricolore italiano, percorrendo un itinerario di ottocentosessantadue metri, con il traguardo all’interno della chiesa ella Madonna di Loreto. Una delle peculiarità della gara podistica consta nella realtà che i partecipanti alla competizione gareggiano a piedi scalzi percorrendo un itinerario molto impegnativo.

Prima che la gara avesse inizio vi è stato il tradizionale fuoco pirotecnico, ed il passaggio nel cielo di una persona, la quale ha disegnato il tricolore nel cielo sul colle ardingo. A  vincere la 569^ edizione della corsa degli zingari è stato l’italo irlandeseLeon Freyne, alla sua prima vittoria in gara, secondo classificato è stato Leonardo Ultimo alla sua quarta partecipazione, terzo classificato Massimo Saccoccia  che  ha vinto tre volte, tre volte è giunto secondo, tre volte terzo.

Madrina dell’edizione della corsa degli zingari di quest’anno è stata Stefania Orlando, famosa conduttrice televisiva, cantautrice, attrice italiana. Presente anche la senatrice della Repubblica Gabriella Di Girolamo la quale ha voluto manifestare le sue congratulazioni a tutti i concorrenti della gara, ed ai primi tre classificati.In seguito  i tre protagonisti  sono stati portati in trionfo per le strade del centro storico del paese, nel tripudio generale della folla. La corsa degli zingari ha origini vetuste e, rappresenta la fondamentale identità del popolo pacentrano, con le sue tradizioni, usi, costumi. Molta l’emozione con alcuni occhi i quali erano velati dalle lacrime perché, le tradizioni secolari, sono il fondamentale collegamento fra il presente ed il passato.

Andrea Pantaleo

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.