Politica

Le parole di Tajani scatenano il fuoco delle polemiche. Bianchi” Non conosce il ruolo della Procura”

 

 

Sulmona,25 settembre– Sarà  che siamo entrati nella settimana finale della campagna elettorale a Sulmona, sarà che l’opinione pubblica si aspetta dalla politica regionale e nazionale risposte precise ai tanti problemi che Sulmona presenta, sarà anche la necessità di rispettare un copione tradizionale degli ospiti che cercano di tirare l’acqua alla propria formazione ma nelle ultime ore qualcosa sembra essersi inceppato. Le dichiarazioni del Presidente di Forza Italia,Antonio Tajani sul ruolo dei Tribunali ha scatentato vivaci reazioni e infiammato il dibattito politico.Proprio Elisabetta Bianchi candidata sindaco per la lista “ Direzione Sulmona” che proprio nella gionrata di ieri aveva sollecitato pubblicamente le forze politiche che “ portano gente della politica nazionale e regionale a spasso per la città senza avanzare uno straccio di proposta utile per i sulmonesi” ha reagito duramente alle considerazioni dell’ex Presidemnte del Parlamento europeo “Tajani non conosce il ruolo della Procura della Repubblica e non sa che il Procuratore Capo, tra l’altro, coordina le forze dell’ordine – commenta la Bianchi –, in caso di chiusura dell’ufficio a cascata perderemmo la Compagnia dei Carabinieri, il Commissariato di Polizia e la Tenenza della Guardia di Finanza le cui competenze verrebbero accentrate il L’Aquila. Ci aspettiamo risposte diverse e di salvaguardia del nostro presidio da una forza di governo”.  Finora non si segnalano altre reazioni. Strano silenzio della politica locale su un argomento di gradissima attualità per la città. Brutto segnale per Sulmona.

Critiche e contrarietà ai giudizi di Tajani sono stati espressi da Mauro Nardella sindacalista della Uil polizia peniteziaria. E anche in questo caso: perché le altre organizzazioni tacciono?

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.