Mercoledi, 18 luglio 2018

L’Avvocato Mario Trozzi


2018/03/10 08:510 comments

Sulmona,10 marzo– l’Avvocato e Parlamentare Socialista Mario Trozzi, nato a Sulmona il 12 agosto 1887 da Marco Trozzi e Filomena Attoriti, morto a Roma il 12 maggio del 1932, successivamente tumulato nel cimitero civico della città di Sulmona, iscritto in qualità di avvocato nel Tribunale di Sulmona. Mario Trozzi è stato anche Consigliere Provinciale del mandamento di Popoli, Fiduciario del Partito Socialista per la Provincia dell’Aquila. Mario Trozzi si laurea in Giurisprudenza nell’Università degli Studi di Napoli nel 1910: è stato eminente uomo di legge e di politica essendo stato Parlamentare, svolgendo il Suo incarico politico in maniera esemplare.

Viene iscritto nel Casellario Politico Centrale (C.P.C.) causa le Sue idee socialiste considerate rivoluzionarie e sovversive già prima dell’avvento del fascismo in Italia. Era tenuto d’occhio in ogni suo spostamento in qualsiasi località si recasse, anche per svolgere la professione forense, così come testimoniano i documenti conservati nell’Archivio di Stato di Aquila, prendendo atto anche della Sua encomiabile cultura ed appartenenza politica. Era persona da tenersi d’occhio anche per la Sua illustre cultura particolarmente temuta dal sistema del tempo e successivamente dal regime fascista. Era pedinato a vista anche quando viaggiava in treno ed era seguito senza perderlo mai d’occhio. Anche le comunicazioni epistolari (così come risulta nel documento del Ministero dell’Interno, Direzione Generale della Pubblica Sicurezza ufficio riservato, documento numero 2623 – R dell’ 8 febbraio 1918, indirizzato al Prefetto della città di Aquila in carica) erano intercettate, valutate, scandagliate con la massima attenzione, da parte dell’Autorità di Pubblica Sicurezza: ogni azione di Mario Trozzi, sia pur minima, era sempre vagliata con la massima attenzione ed attività d’indagine. L’autorità di Pubblica Sicurezza definisce l’Avvocato Mario Trozzi intelligentissimo, parlamentare efficace e molto influente all’interno del partito d’appartenenza, nel quale riveste per l’appunto la carica di fiduciario per la provincia dell’Aquila.

 Nel documento si aggiunge inoltre che la presenza di Mario Trozzi a Firenze (città nella quale ha alloggiato in Viale dei Mille al numero civico 32, P. 2) è da ritenersi pericolosa per quanto concerne l’ordine pubblico in città, di conseguenza se ne dispone il rimpatrio nella città di Sulmona, mediante foglio di via obbligatorio, ai sensi e per gli effetti dell’articolo numero 9 del decreto Legge 23 maggio 1915 n. 674. Nella Sua abitazione avvengono riunioni che l’Autorità di Pubblica sicurezza ritiene e definisce essere pericolose per l’ordine e la sicurezza pubblica. Mario Trozzi è persona che affascina e coinvolge le persone per la Sua cultura, lungimiranza, dialettica, oratoria. Ai Suoi funerali si vieterà la presenza di quelle persone che, a seguito d’indagine, sono considerate sovversive, così come risulta dal documento n. 0474 del 16 maggio 1932 emesso dal Commissariato di Sulmona, giunto alla Questura dell’Aquila in data 17 maggio del 1932, a firma del dirigente del Commissariato Sulmonese pro tempore. Le indagini nei confronti dell’Avvocato Mario Trozzi son esistite anche nel giorno dei Suoi funerali, del Suo ultimo saluto, considerando l’enorme stima e plauso che la Società Civile ha sempre manifestato nei Suoi confronti. Alle onoranze funebri di Mario Trozzi vi parteciperanno alcuni avvocati  e pochi amici e si svolgeranno in forma strettamente privata. Trozzi è stato altresì scrittore avendo realizzato molte opere di rilievo ed importanza socio – culturale.  Sulmona ha dedicato una strada in Sua memoria quale manifestazione di affetto, immortale ringraziamento e stima. Mario Trozzi è un’immortale esempio di legalità, rettitudine, ossequio ai valori veri e fondamentali della democrazia, della libertà, della vita. Egli è un Sulmonese autorevole entrato di diritto nelle gloriose, imperiture memorie della città di Sulmona. (h.8,30)

Andrea Pantaleo

 

Fonte dei Documenti: Archivio di Stato di Aquila Questura Categoria A8 busta n. 5 fotografia dell’Avvocato Mario Trozzi da me scattata è tratta dall’opera dal titolo “Strademecum” autore Fabio Valerio Maiorano

Leave a Reply


Trackbacks