Domenica, 22 aprile 2018

La Regione a sostegno del terzo settore


2018/04/11 17:180 comments

 Sulmona, 11 aprile– La Giunta regionale ha approvato ieri il provvedimento relativo al “Sostegno allo svolgimento di attività di interesse generale da parte delle Organizzazioni di Volontariato e delle Associazioni di Promozione Sociale”. Contestualmente, è stato preso atto dell’accordo di programma sottoscritto in data 27.12.2017 tra il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e la Regione Abruzzo, avente ad oggetto la realizzazione di un programma di interventi diretti a sostenere lo svolgimento a livello locale delle attività di interesse generale da parte delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni di promozione sociale, mettendo a disposizione la somma di 798.088 euro per un periodo di venti mesi.

Questi gli obiettivi dell’accordo: 1) promuovere la salute e il benessere per tutti e per tutte le età; 2) promuovere una educazione di qualità, equa e inclusiva, e pari opportunità di apprendimento per tutti; 3) promuovere una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, una occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso per tutti; 4) promuovere le pari opportunità e contribuire alla riduzione delle disuguaglianze; 5) promuovere società giuste, pacifiche e inclusive; 6) promuovere una agricoltura sostenibile e responsabile socialmente.

Ai fini del conseguimento degli obiettivi generali indicati, gli interventi programmati dovranno riguardare una o più delle aree prioritarie di intervento individuate nell’atto di indirizzo. Nell’accordo sottoscritto con il Ministero, inoltre, viene specificato che gli obiettivi generali e specifici saranno perseguiti dalle Regioni nell’ambito della propria autonomia legislativa e programmatoria.

Le iniziative e i progetti di rilevanza locale riconducibili tra gli obiettivi indicati, devono essere presentati, in forma singola o in partenariato tra loro, da organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale che risultino iscritte in uno dei registri attualmente previsti dalla normative di settore. Inoltre, il finanziamento regionale complessivo di ciascuna iniziativa o progetto, non potrà essere inferiore a 20.000 euro, né potrà superare l’importo di 90.000 euro e comunque, la quota di finanziamento, non potrà superare il 90% del costo totale del progetto approvato. (h. 17,15)

Leave a Reply


Trackbacks