Sport

Il britannico Yates vince sul Gran Sasso la nona tappa del giro d’Italia

 

Tra le più lunghe e in pendenza, la nona tappa del Giro d’Italia 2018 si conclude con il trionfo di Simon Yates sul Gran Sasso. Poi Thibaut Pinot, Chaves e Pozzovivo Entusiasmo a Sulmona intorno alle 14:30 quando  è passata la carovana  e quando mancano ancora 80 km al raggiungimento della meta.

 

Sulmona, 13 maggio Segna il traguardo finale della nona tappa del centunesimo Giro d’Italia la maglia rosa inglese Simon Yates, seguito al secondo posto il francese Thibaut Pinot e terzo il colombiano Esteban Chavez. L’italiano Domenico Pozzovivo arriva quarto. La nona tappa è tra le più lunghe del Giro d’Italia 2018. I corridori, in partenza da Pesco Sannita, in provincia di Benevento, si sfidano su 225 km di strada, diretti verso il Gran Sasso. Un traguardo a quota 2150 metri di Campo Imperatore nel Massiccio del Gran Sasso, che per il centunesimo giro è “Montagna Pantani” in ricordo del ciclista che nel 1999 ne conquistò la cima da solo. La gara attraversa Sulmona intorno alle 14:30 quando mancano ancora 80 km al raggiungimento della meta.

Un tratto di strada che favorisce il recupero dei ciclisti che al passaggio in città sono divisi in due gruppi: i battistrada hanno un vantaggio di 7 minuti circa rispetto al secondo gruppo. La gara continua verso quella che sarà l’ultima salita, anche la più dura a causa di quelle pendenze costanti che caratterizzano gli ultimi 50 km prima del traguardo.È in fase finale che Yates, che verso Sulmona manteneva uno svantaggio di 7 minuti circa dai battistrada, si è portato in testa, superando Pinot e Chavez con uno sprint sul finale che lo ha decretato il vincitore di questa tappa abruzzese.

La strada verso la vittoria definitiva è ancora lunga e sui lati delle strade, tanti continueranno a battere le mani per la propria squadra ma soprattutto per la tenacia di tutti questi ciclisti che tra scatti, fughe in solitaria e volate finali pedalano mantenendo vivo un eventi sportivo nazionale dal 1909.

Manuela Susi

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.