Giovedi, 21 febbraio 2019

Di Benedetto (SP): ora, ora è il momento


2019/02/12 14:400 comments

 

 

Chiuse le vicende elettorali per le regionali si apre a Sulmona una lunga riflessione sulla condizione in cui è venuta a trovarsi la città negli ultimi anni. Complice una politica scelllerata improntata su un civismo “senza anima e senza idee” che oltre a non produrre nulla non ha costruito nemmeno  le necessarie relazioni  con la Regione ed il Governo centrale ed ha fiaccato la strategia della coesione territoriale. Cosa fare allora? Si tratta di avviare una riflessione ampia e approfondita per costruire una  ormai non più rinviabile solidarietà diffusa  che porti a costruire un “patto per Sulmona” per aggredire le emergenze  da affrontare con immediatezza e consenta di riportare Sulmona al Centro della politica regionale. Mimmo Di Benedetto della lista “Popolari e Solidali”, la prima formazione in città fra le liste a sostegno di Giovanni Legnini, lancia l’appello per costruire e migliorare un progetto politico ampio, aperto alla collaborazione a quelle forze “antagoniste delle attuali forze maggioritarie presenti in città”

 

Sulmona, 12 febbraio-  La chiara affermazione del Centrodestra con l’elezione del Presidente della Regione Abruzzo Marsilio. La netta sconfitta del Movimento 5Stelle. Un risultato significativo del Centrosinistra non più “PD-centrico”. La lista “Popolari e Solidali” in cui mi sono candidato insieme alla Sig.ra Cianfaglione è risultata prima in città tra quelle schierate a sostegno del candidato presidente Legnini, con il maggior numero di consensi espressi nei miei confronti.

“Nel ringraziare le elettrici e gli elettori- scrive di Benedetto– che hanno voluto premiare il nostro impegno in un progetto per molti versi innovativo nel panorama politico cittadino di quest’ultimi anni, vogliamo rassicurare, oggi, sulla nostra assoluta determinazione a svolgere puntualmente il compito che spetta ad una opposizione consapevole.

Di vigile attenzione nei confronti dei nuovi governanti dell’Abruzzo sui molti dossier delle Aree interne aperti. Dal declassamento del’Ospedale, alla salvaguardia del Tribunale, per finire, alla realizzazione della c.d. bretella ferroviaria che ci taglia fuori dai collegamenti su rotaia lungo l’asse Pescara – L’Aquila (solo per citarne alcuni, tra i più rilevanti). Problematiche colpevolmente ignorate dalla precedente gestione del competente assessorato alle aree interne.
Consapevoli della necessità della costruzione di un più ampio schieramento di forze politiche antagoniste delle attuali forze maggioritarie presenti in città, invitiamo fin da ora quanti hanno a cuore la rinascita di Sulmona e del  CentroAbruzzo ad un confronto franco e leale per dare risposte convincenti sul piano delle politiche cittadine e comprensoriali tuttora irrisolte”.(h. 14,30)

 

Leave a Reply


Trackbacks