Mercoledi, 20 giugno 2018

 Che figura !!! ( brutta)


2018/06/02 16:370 comments

 Sulmona, 2 giugno– Che quest’anno la ricorrenza della festa della Repubblica avesse un significato straordinario lo avevano percepito perfino i bambini. Molto ha inciso la violenta polemica  istituzionale che ha conosciuto tensioni e strappi  allarmanti soprattutto da chi le Istituzioni, piccole e grandi, le conosce poco e pensa di adattarle a proprio piacimento. Ma lo si è capito anche dalla fermezza con cui il Presidente della Repubblica Mattarella ha saputo guidare questa fase così delicata e dal suo messaggio, forte ma di grande significato, inviato nella giornata di ieri ai  Prefetti per l’inoltro a tutti i sindaci italiani dove vengono esaltati i valori della Costituzione che  “ripropongono a vecchie e nuove generazioni- ha scritto Mattarella- il significato di essere parte di una comunità. L’impegno volto a garantire il buon andamento e l’imparzialità della pubblica amministrazione e a rafforzare la fiducia dei cittadini nell’operato delle istituzioni, è essenziale ed è condizione per favorire la più ampia partecipazione democratica alla vita del Paese contro le tentazioni dell’indifferenza e del disimpegno” . E bisogna riconoscere che oggi c’è stata una bella e massiccia risposta in tutte le città  dove le forze politiche, tutte, si sono ritrovate, anche   da posizioni diverse a rispettare il significato di questa ricorrenza.

Eppure questa occasione di festa e di riflessione per la nostra città è  stata ancora l’occasione per rimediare  una brutta figura istituzionale. Già perché alla cerimonia solenne il sindaco (in questo caso il Vice Nicola Angelucci) si è presentato, tra l’imbarazzo generale, senza la fascia tricolore. La ragione? Non ci interessa. Un incidente clamoroso che ha dell’incredibile  soprattutto in questa giornata  dove l’accaduto  ha già fatto tanto rumore e che nelle prossime ore  rischia di finire sui media nazionali. A noi non interessa chi ha provocato l’incidente o ha sottovalutato l’occasione. Siamo convinti che non è colpa di Angelucci (peraltro persona assai attenta a queste cose) ma nell’occasione era lui a rappresentare l’Amministrazione comunale e quindi la città. E poiché nei giorni scorsi c’era stato anche l’incidente della data sbagliata nell’invito ufficiale  del Comune  e siccome alla cerimonia oggi  abbiamo visto la presenza di pochi, pochissimi consiglieri comunali viene da pensare che ha proprio ragione quel mio amico professore che mi ripete sempre “Ma cosa deve succedere ancora in questa città?”. (h. 16,30)

Asterix

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply


Trackbacks