Politica

Casini, imbarazzante e scarsamente incisiva la politica di Sbic

 

Ferma risposta del sindaco  della città alle  critiche sollevate ieri  dal Movimento civico “ Sulmona Bene in Comune”  che lamentava la scarsa attività  del primo cittadino a proposito delle iniziative promosse per rafforzare la sanità locale.Pronta la replica da Palazzo San Francesco per  elencare le cose fatte  al riguardo Poi  un affondo per denunciare pubblicamente il silenzio di quei consiglieri comunali che hanno riferimenti in Consiglio e Giunta regionale ( eccezion fatta per Marianna Scoccia) che continuano  a restare indifferenti e inattivi a sostenre  che da queste parti “ tutto è a posto”

 

 

Sulmona, 14 settembre- Ho chiesto alle istituzioni con prevalente competenza, Asl e Regione, ripetutamente e formalmente il potenziamento dei servizi sanitari territoriali per far fronte a questa seconda ondata di contagi in Valle Peligna.Ho incontrato e ascoltato il comparto sanitario locale ( medici ospedalieri, del territorio e medici di base) alla presenza dei sindaci del territorio e delle altre istituzioni locali (consigliere regionali e senatrice della repubblica) per chiedere tutti insieme ai vertici Aziendali e Regionali il rinforzo e il miglioramento della sanità locale.Lo scrive in una nota il sindaco della città Anna Maria Casini in risposta alle critiche sollevate  da Sbic a proosito della richiesta di potenziamento dei servizi sanitari a Sulmona.

“Voglio pertanto rimarcare- spiega il sindaco-  che non e’ il sindaco debole e ma debole e’ l’intero territorio cui io ho fatto ripetutamente l’appello, l’ultimo in questa settimana, sollecitando tutte le altre istituzioni e forze politiche che invece  stanno clamorosamente in silenzio totale, soprattutto i rappresentanti del Consiglio comunale che hanno riferimento in Giunta regionale, escludendo la Consigliera regionale Marianna Scoccia e la rappresentate sul territorio del Tribunale del Malato avv. Catia Puglielli.
Mentre la Regione e la Asl continuano a dire che è tutto sotto controllo o fanno ordinanze confuse che passano sopra la fragile economia di questa città.
Desta ora un certo imbarazzo l’intervento di Sbic, una rappresentanza territoriale, la più debole di tutti e per questo l’unica ad avere un serio alibi di scarsa incisività, perché con nessun riferimento politico ed istituzionale, pur con un autorevole componente, Maurizio Balassone nella doppia veste di Consigliere comunale e medico dell’Usca, ma pensa di fare il “bene comune” tentando di delegittimare il sindaco che da oltre quattro anni sta con forza portando avanti un difficilissimo mandato amministravo superando tantissime difficoltà ed emergenze.
Invito Sbic e le altre forze politiche a non cadere più nella tentazione di anticipare di otto mesi la campagna elettorale, ma di concentrarsi per dare forza alle nostre istituzioni ed istanze di questo territorio uscendo dal silenzio e portare avanti con onestà intellettuale battaglie concrete per il bene di tutta la comunità” Lo afferma il sindaco Annamaria Casini, in risposta alle dichiarazioni di Sbic.

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.