Attualità

Buon viaggio Nino

Sulmona, 15 febbraio – Si sono svolti questa mattina a Sulmona, all’interno della chiesa di Cristo Re, i funerali dell’avvocato Nino Ruscitti, deceduto giovedì scorso a causa di una polmonite. Molta la partecipazione da parte della società civile la quale, ha manifestato affetto alla famiglia, unendosi al dolore dei familiari. Presenti i genitori Giovanni e Giuseppina, il figlio Daniele giornalista fratello di Nino, i familiari, i parenti tutti, il consigliere regionale Silvio Paolucci, colleghi di lavoro, amici, semplici conoscenti. Nino Ruscitti era solidale con tutti e salutava sempre con educazione anche chi non conosceva.

Nel corso dell’omelia funebre si sono ricordati i valori della fede cristiana e la figura di Nino, persona affabile, generosa, onesta, professionale, sempre al servizio della professione e del cliente, mantenendo elevato il valore della professione forense. Anche nel letto dell’ospedale Nino Ruscitti ha continuato a lavorare senza sosta, sino all’ultimo, sempre al servizio del cittadino, della professione, rappresentando un esempio di lavoro e rettitudine per tutti i colleghi. Era esperto di diritto del lavoro branca della giurisprudenza molto complessa. Durante la  cerimonia funebre vi è stato l’intervento dell’avvocato Luca Tirabassi, presidente dell’ordine degli avvocati di Sulmona, il quale ha portato il saluti degli altri ordini professionali della regione Abruzzo, ed ha ricordato la figura del collegha scomparso, sottolineando e precisando i valori della sua persona, la fondamentale realtà che rappresentava per la professione forense, per l’ordine degli avvocati di Sulmona. Molta la commozione, i ricordi, enunciati da parte dei docenti che lo hanno avuto come alunno, i quali hanno ricordato la figura, la cultura di Nino, sin dagli anni nei quali era valido studente del liceo classico Ovidio.

Nino Ruscitti era avvocato affermato, professionale, famoso non soltanto in Abruzzo. Il mondo della professione forense, la società civile, la cultura, perdono una persona fondamentale, indimenticabile, che rappresenta un pilastro autorevole. Sulla bara è stata collocata la sua fotografia ed era coperta dalla sua toga, realtà tangibile degli anni di lavoro da avvocato, professione che Nino amava molto ed alla quale ha dedicato tutta la vita. Da oggi la salma di Nino Ruscitti riposerà nel cimitero civico di Bugnara, suo paese d’origine. Lascia un vuoto incolmabile, un ricordo straordinario ed imperituro di onestà, competenza, professionalità, dedizione ai valori veri della vita, ai quali ha dedicato tutta la sua terrena esistenza. Porgo le mie più sentite condoglianze alla famiglia Ruscitti per la scomparsa dell’amato figlio Nino, che ricorderemo sempre con affetto e nostalgia. Ciao Nino grazie per quanto hai dato, avresti meravigliosamente continuato, non ti dimenticheremo mai. Buon Viaggio.

 

Andrea Pantaleo

3 Comments

  1. Illustre Direttore,
    ho appreso solo ora la tragica notizia della morte del carissimo Nino. Tragedia che ha colpito la Vostra famiglia e tutti coloro che gli hanno voluto bene. Sono profondamente addolorata e partecipo intensamente perché anche io Gli ho voluto bene e l’ho stimato moltissimo!
    Conoscevo Nino prima come studente esemplare all’Università di Teramo, poi come mio laureando, svolse una tesi in Storia del diritto romano con grande serietà, rigore e abilità, ovviamente si laureò con 110 e lode e vinse una borsa di studio dell’Università di Teramo ; fu poi mio collaboratore all’Università in qualità di cultore della materia e infine dottorando di ricerca nelle discipline romanistiche. Lo ricordo sempre serio, gentile, preparato, elegante e affabile con gli studenti.
    Poi cominciò a fare la professione e fu sempre più coinvolto e appassionato da questa e proprio per il rigore e il timore di non fare tutto perfettamente preferì probabilmente l’attività forense mettendo da parte la ricerca universitaria che aveva svolto negli anni con grande competenza.
    Mi permetto di scriverLe per manifestare il mio dolore non potendo nemmeno chiamare i genitori perchè i numeri di telefono che ho forse sono vecchi. In questi momenti non ci sono parole di conforto solo l’affetto degli amici e la testimonianza di questi possono servire e il ricordo poi li rende più vicini. Per noi che crediamo la comunione dei Santi permette proprio di sentirli vicini.
    Mi piacerebbe fare qualche iniziativa per ricordare un vero gentiluomo, sono a Vostra disposizione
    Maria Pia Baccari
    Libera Università Maria Ss. Assunta http://www.lumsa.it
    Prof. Maria Pia Baccari Vari
    ordinario di Diritto romano
    Dipartimento di Giurisprudenza
    Via Pompeo Magno, 22
    I 00192 – ROMA

  2. Massimiliano Ventresca

    La scomparsa di un giovane come Nino stimato da tutti per le sue straordinarie doti umane e professionali hanno scosso non solo familiari,amici e colleghi ma tutta la città’ e anche quanti lo conoscevano in Abruzzo. Ho avuto modo di apprezzare questo giovane in Tribunale per la lucidità’ delle sue analisi e delle documentazioni prodotte.Un vero esempio di correttezza e serietà da tutti riconosciute

  3. redazione

    Carissimo Dr. Ruscitti,
    la notizia della morte di Nino ha lasciato tutti basiti, nessuno avrebbe potuto immaginare un epilogo simile dopo una banale influenza. Voglio esprimerLe tutta la mia vicinanza in questo momento terribile e voglio ricordare Nino come un professionista veramente serio, ricco di valori. Più volte si è trovato di fronte a me come controparte in difesa di qualche dipendente, proprio in quelle occasioni, ho potuto constatare quanto fosse corretto nell’esporre le ragioni delle persone che in quel momento difendeva. Una volta capitò una situazione veramente incresciosa di fronte alla quale il difeso sembrava indifendibile, nonostante ciò, con il garbo che gli apparteneva, riuscì ad evidenziare delle ragioni che non riuscii ad ignorare.
    Il nostro territorio perde un bravissimo avvocato ma è soprattutto la Scuola a perdere un punto di riferimento per tutto il personale e per i dirigenti, una persona preparata e insostituibile.
    Nella famiglia di mio marito tanti anni fa si verificò un lutto così grave quando morì Pina, la sorella di mio marito, quindi, posso ben immaginare il Suo dolore e quello dei Suoi familiari ricordando il dolore di mia suocera. Non ci sono parole né persone che possano lenirlo ma solo la fede che ci aiuta a pensare a Nino in un mondo di luce al cospetto di Dio.
    Invio a Lei, a Sua Moglie e a Suo Figlio un abbraccio pieno di affetto.
    Caterina Fantauzzi

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.