Venerdi, 26 aprile 2019

Bianchi: basta con le passerelle. Sulmona ha bisogno di ben altro


2019/04/13 13:400 comments
  • Affondo della combattiva consigliera comunale di Sulmona che per l’Ospedale della città  ha idee chiare: occorre ripartire dalla delibera del Consiglio comunale (non votata dal sindaco) con la quale si chiede alla Regione Abruzzo di ripristinare la qualifica di primo livello ponendo così nel nulla le precedenti scelte accolte dalla maggioranza Casini di “moderata soddisfazione sull’ospedale di base implementato di qualche unità operativa”. Poi incalza le due  consigliere del territorio in Consiglio regionale “troppo attente alla cura di interessi territoriali” tanto che in occasione della visita dell’Assessore regionale alla Sanità c’è stata “la mancanza di richieste fondate sullo stato dei recenti atti amministrativi del Consiglio Comunale di Sulmona” dimenticando che  ora che c’è stato il pronunciamento del Ministero della Salute sull’equilibrio dei conti della Sanità in Abruzzo la buona politica “deve puntare a restituire dignità all’Ospedale peligno”. Diversamente….

Sulmona, 13 aprile– La pianificazione sull’ospedale di Sulmona dell’Annunziata nella nuova rete ospedaliera regionale deve ripartire dalla delibera del Consiglio Comunale di Sulmona (non votata dal sindaco Casini ma   all’unanimità dei consiglieri) che ha richiesto a Regione Abruzzo la qualifica del primo livello, ponendo così nel nulla le precedenti scelte accolte dalla maggioranza Casini di moderata soddisfazione sull’ospedale di base implementato di qualche unità operativa.

In occasione della perorata e graditissima visita nella nuova struttura dell’ospedale della Città di Sulmona del neo Assessore alla Sanità Nicoletta Verì, cui ho partecipato su suo personale invito, ho dovuto constatare da parte degli interlocutori politici e nello specifico della delegazione della consiliatura regionale Scoccia e La Porta, probabilmente troppo attente alla cura degli equilibri territoriali del loro ampio bacino elettorale, la mancanza di richieste fondate sullo stato dei recenti atti amministrativi del Consiglio Comunale di Sulmona. Discostarsi dal nuovo indirizzo politico del Comune di Sulmona significa agire fuori dall’ambito di rappresentanza di questo territorio ed in via autonoma e personalissima procedendo per spot, con l’effetto di favorire così logiche clientelari fondate sui bisogni puntuali senza contenuto per il bene della collettività, a detrimento della strategia globale di pianificazione regionale, che diventerebbe per il bacino di Sulmona patetica e perdente.

Ora che il Ministero ha certificato che in ambito sanitario i conti sono in ordine, la politica degna di questo nome deve avere la forza di invertire la tendenza e di riequilibrare senza timidezze le offerte di sanità nel centroabruzzo per le peculiarità delle caratteristiche viarie, climatiche, ambientali e di vulnerabilità sismica del territorio, restituendo dignità all’ospedale dell’Annunziata di Sulmona che deve essere considerato fulcro di primo livello della nuova pianificazione regionale. Fuori dalle inutili passerelle delle inutili sentinelle la strada è questa, l’unica possibile.(h. 13,30)

Leave a Reply


Trackbacks