Politica

Amministrative: ad Introdacqua sono tre le liste in corsa

  – I protagonisti, le liste e sopratutto come si vota Un appuntamento particolarmente atteso nella cottadina peligna

 Introdacqua, 28 aprile- Sono tre le liste e 29 i consiglieri in corsa ad Introdacqua, una delle località incluse nell’elenco dei 98 comuni abruzzesi che andrà alle urne per le elezioni amministrative del 26 maggio.

Le liste sono state consegnate oggi e ora sono state vagliate della commissione elettorale circondariale che ha effettuato anche i sorteggi. Prende quindi il via la corsa per aggiudicarsi la posizione di primo cittadino del paese.

“Dovrebbero scegliere me come sindaco perché sono l’unica in grado di salvare il mio paese dal disastro e dai 670 mila euro di debito accumulato. E dovrebbero scegliere me se vogliono mandare a casa chi ci ha mal governato per oltre 50 anni” lo ha detto la candidata della lista La Torre Introdacqua – per un futuro migliore, la prima donna a competere per la carica di sindaco nella storia del paese, Licia Mampieri. Revisore dei conti per il Ministero di Grazia e Giustizia  e direttore superiore per il Ministero di Economia e Finanze, con alle spalle anche una carriera come giornalista pubblicista e scrittrice di saggi. E’ stata già consigliere di minoranza durante l’amministrazione di Orlando Orsini dal 1995 al 2000. Nel 1994 è stata candidata al Senato, dal partito di Forza Italia e ha ottenuto nel collegio di Chieti 28.675.

Lista  La Torre Introdacqua – per un futuro migliore:

Candidata sindaco: Licia Mampieri

Candidati consiglieri: Cassiani Fernando, Centofanti Claudio, Cupello Amedeo, Fabrizi Giacomino, Giuliani Alessio Angelo, Iannetti Antonella, Matano Alessandra, Silla Domenico, Vinci Manuela.

“La scelta di candidarmi è nata dalla voglia di far ripartire e dare uno slancio definitivo a questo paese e lavorare anche per evitare lo spopolamento dei piccoli borghi.” È quanto ha affermato, Cristian Colasante capo della seconda lista sorteggiata. Vent’otto anni, diplomato in ragioneria, capo della lista civica Solidarietà e progresso Il Campanile, la componente che affonda le sue radici nella tradizione politica del paese e che è alla guida dal 1964, anno in cui è stata fondata dall’allora candidato sindaco l’on. Domenico Susi. Incaricato nella scorsa amministrazione ad assolvere alla funzione di assessore con delega alla scuola, allo sport e alle politiche agricole,  Cristian è il più giovane dei tre aspiranti ad ambire alla carica.

Lista  Solidarietà e progresso Il Campanile:

Candidata sindaco: Cristian Colasante

Candidati consiglieri: Amoroso Claudio, Di Benedetto Carla, D’Angelo Maurizio, De Santis Ernesto, Di Pietro Mario, Grassi Davide, Maurizi Mario, Pelino Massimiliano, Silvetri Toni e Zuffada Giuseppe.

 “Non ho chiesto il simbolo della Lega perché volevo presentare una lista trasversale in cui sono rappresentati tutti i cittadini, a prescindere dalla loro appartenenza politica. Nella lista abbiamo infermieri, operai, avvocati, professionisti e commercianti.” Nuovo gruppo politico a correre per la carica amministrativa anche quello del ginecologo, il dr. Salvatore Esposito con la lista Legalità per Introdacqua. Il dr. Esposito, che ha alle spalle anni di esperienza come medico in grandi ospedali italiani, ha chiesto il trasferimento all’ospedale di Sulmona per raggiungere la moglie, Barbara Fascione e anche lei chirurgo nello stesso nosocomio.

Lista Legalità per Introdacqua:

Candidata sindaco: Salvatore Esposito

Candidati consiglieri: Cipriani Simonetta, D’Amico Vincenzo Antonio, Diodati Paola, Fascione Barbara, Giammarco Massimo, Pelino Ludovica, Primavera Denny, Santilli Antonella, Silveri Angelo e Susi Livio.

Come si vota

Introdacqua avrà un elettorato attivo di circa 1962 unità ed è quindi un comune che risponde alle modalità di voto per quelli con meno di 15 mila abitanti. Nella scheda elettorale saranno indicati i tre nomi dei candidati sindaci con accanto la propria lista.  Ogni elettore potrà indicare con una croce il nome del candidato sindaco o della sua lista, e potrà esprimere la preferenza per un candidato alla carica di consigliere.

Perché si vota

La nuova tornata elettorale ad Introdacqua è stata anticipata di un anno perché il precedente sindaco ha dato le dimissioni in quanto nel corso del suo mandato si è scoperto un disavanzo di circa 618 mila euro alla data del 31 dicembre 2017.

Tutto pronto quindi per la sfida di chi andrà a sostituire la vecchia amministrazione, quella guidata dall’avv. Terenzio di Censo che sotto il simbolo de Il Campanile è stato sindaco dal 2015, sostituito dal commissario straordinario Maria Cristina Di Stefano l’11 ottobre 2018 che per ripianare il disavanzo ha previsto un piano di rientro della durata di quindici anni.

 

Manuela Susi

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.