Editoriale, Politica

A Sulmona la ricreazione è.. finita

 

 Sulmona,10 settembrePassata l’estate, la stagione delle giostre ,dei cortei in costume e delle feste paesane Sulmona si ritrova e con i soliti problemi, vecchi e nuovi, che attendono risposte dalla politica e dalla buona amministrazione che non arrivano. Colpa di chi ? Sicuramente di chi ha investito su un’Amministrazione comunale inesperta, fatta di tanti troppi giovani inadeguati per assolvere ad un ruolo così delicato per una città che ha tanti problemi; colpa sicuramente anche della complessità delle tante emergenze che Sulmona  presenta; colpa  di una politica confusionaria e pasticciona ( ma i  partiti e movimenti che si vedono solamente in tempo di elezioni dove sono finiti?). D’altra parte l’esaltazione del civismo, senza idee e senza regole, se ha  favorito la cattiva politica dei  praticoni  ha ridotto la città in agonia

 Quindi una citta indebolita sul piano economico e sociale ed emarginata sul piano politico ha posto Sulmona ad un angolo  della politica regionale dove contava già poco finora ora non conta piu’ nulla Brutto segnale. E senza voler parlare di errori, inadempienze, ritardi, disfunzioni che hanno appannato l’immagine di una città nobile  e antica che pure ha conosciuto momenti migliori . La brutta storia,ad esempio,del taglio dell’erba nel parco fluviale che ha ridicolizzato Sulmona sui media nazionali è stato forse il punto piu’ basso di questa politica

 No così non puo’ piu’ andare Sulmona non merita di essere umiliata dalla peggiore politica che  ridotto la città  a villaggio o a piccolo borgo di periferia. Questa la riflessione,piu’ o meno fedele, che un gruppo di persone della migliore tradizione politica sulmonese ha sviluppato sabato sera in un locale alla periferia della città. Da tutti è emersa la comune volontà di contribuire  a rilanciare la politica a Sulmona , sviluppando una grande forma di solidarietà, coesione, condivisione e soprattutto esaltando  competenze,  professionalità  e  la passione di uomini e donne  capaci di  o restituire a Sulmona una speranza per un divenire migliore

Anche perché un’Amministrazione comunale che ancora oggi non è riuscita ad avviare con la Regione un confronto serrato, una vertenza vera e propria sui gradi temi che interassano il territorio ( Sanità, sicurezza nelle scuole,cultura,occupazione,trasporti) non puo’ essere considerata amica della città  e si muove con le ruote sgonfie. Possibile che nessun consigliere comunale ( eccezion fatta per la Bianchi) ha mai percepito un percorso di questo tipo? Possibile? E che dire della mancata riorganizzazione della macchina comunale ( anni di chiacchiere a vuoto) o di quella coesione territoriale che resta una delle risorse che un comune come il nostro dovrebbe rafforzare giornalmente?

 Ecco perché non c’è piu’ tempo da perdere con distrazioni e divagazioni estive, a sorridere davanti al bar con  amici e conoscenti. Occorre dire basta a questa ricreazione. La politica e la buona amministrazione sono altra cosa anche a Sulmona. Buona giornata a tutti

Asterix

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.