Lunedi, 24 settembre 2018

A Martina Lucarelli il Certamen Ovidianum Sulmonense 2018


2018/04/15 09:170 comments

Sulmona, 15 aprile– Pubblico delle grandi occasioni  al Teatro Comunale Maria Caniglia di Sulmona, per l’atto conclusivo della XIX edizione del Certamen Oividianum Sulmonense, celebre Concorso Internazionale di Latino, che quest’anno ha visto la partecipazione di 58 studenti provenienti da 15 licei italiani e 18 licei stranieri di  cinque Nazioni Europee le quali sono Austria, Bulgaria, Germania, Montenegro, Romania

La serata è stata presentata e condotta da Fabio Valerio Maiorano.A  vincere la XIX edizione del Certamen  è stata Martina Lucarelli del Liceo Annibale Mariotti di Perugia la quale si aggiudica il premio di mille euro. Secondo posto per Francesco De Naro Papa del Liceo Umberto I di Torino il quale di aggiudica il premio di 750 euro, terzo classificato è Valentino Gargano del Liceo Cicerone Pollione di Formia il quale si è aggiudicato il premio di 500 euro; quarto classificato è Martin Halsmayr del Akademisches Gymnasium di Graz, quinto classificato è Fabio Ciccarelli del Liceo Classico Torlonia di Avezzano, ed infine la sesta classificata è Maria Maci del Liceo Classico Paschini Limussio di Tolmezzo.

  Il Premio Giuseppe Di Tommaso e Achille Marcone è stato conferito.invece, a Martin Halsmayr dell’Akademisches Gymnasium d Graz (Austria), Mila Marinova proveniente dal Liceo CI Costantino Cirillo II di Sofia (Bulgaria), Clara Wolkenhauer del Kepler Gymnasium di Tubingen (Germania), Irma Jarovic del Gimnazija Slobodan Skerovic di Podgorica (Montenegro), ed infine Roxana Mihaele Agape del Colegiul National di Iasi (Romania). Il Premio della Borsa di Studio alla memoria del fratelli Ferrucci che, come di consueto, viene assegnato agli studenti i quali hanno conseguito la media migliore dei voti nel coro del triennio conclusivo degli studi è stato attribuito a Domenico Paolilli. Presenti la Senatrice Gabriella Di Girolamo, il Consigliere Comunale Roberta Salvati in rappresentanza del Comune di Sulmona, l’attore Lino Guanciale cui è stato conferito il Premio Ovidio Giovani, il Sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi.

Nel corso della manifestazione vi è stato un’emozionante omaggio musicale dedicato ad Amatrice e a tutti i comuni coinvolti nel terribile sisma, momento musicale che è stato eseguito da Sabrina Cardone al Pianoforte e Chiara Tarquini alla voce soprano. Successivamente sul palco è giunto l’attore Lino Guanciale il quale ha recitato alcuni versi scritti da Publius Ovidius Naso accompagnato in musica da Sabrina Cardone al Pianoforte e Davide Cavuti alla fisarmonica, e da Walter Pizzola e Sara Terracciano alle voci recitanti.

 Ovidio Nasone nasce da una famiglia iscritta all’ordine equestre nel marzo del 43 Avanti Cristo ed è autore di opere ormai entrare nell’olimpo della storia di tutti i tempi conosciutissime in tutto il mondo. Studia a Roma ed entra nel circolo di Messala dimostrando da subito le Sue mirabili doti umane e culturali. Innumerevoli sono le Sue opere fra le quali ricordiamo l’Ars Amatoria, le Heroides, le elegie amatorie (Amores), i Remedia Amoriis, i De Medicamina Faciei feminae, la tragedia Medea, le Metamorfosi poema epico composto di quindici volumi, le Tristia elegie in cinque volumi composte durante l’esilio, le Epistulae ex Ponto i poemetti Ibis, la Halieutica, i Fasti. Ovidio ha sicuramente una presenza dominante nell’intera galassia della cultura latina essendo stato protagonista indiscusso nel Medioevo, nell’Umanesimo, nel Rinascimento, giungendo sin all’età moderna, in un viaggio nella storia nel quale ogni periodo è stato contrassegnato dalla presenza di Publius Ovidius Naso in qualità di indiscussa persona di primo piano. Personaggio di indubbio fascino e prestigio Ovidio Nasone è presente nella nostra città in Piazza Venti Settembre sita nel centro storico della città di Sulmona nella quale con una solenne cerimonia avutasi il 30 aprile 1925, alla presenza di Sua Maestà Re Vittorio Emanuele III, Alessandro Sardi, il Podestà Pilade Perrotti, l’ingegner Camillo Di Pietro, ed il Vescovo della Diocesi di Sulmona Valva Nicola Iezzoni, in un clima di festa e di emozione si inaugura la Statua di Publius Ovidius Naso realizzata dall’artista Ettore Ferrari. Ovidio è sempre con noi: ascolta, riflette, osserva, continuando a diffondere la Sua immensa cultura, essendo protagonista anche nell’affascinante mondo del Teatro.

Andrea Pantaleo

Leave a Reply


Trackbacks