Venerdi, 10 novembre 2017

Divisi su tutto


2014/09/03 15:251 comment

opinione7Sulmona,3 settembre.– Sulle locandine dei giornali affisse nelle diverse edicole sparse per la città su una appariva un titolo che dovrebbe spingere,in una città normale, alla riflessione. Una annunciava a caratteri vistosi ‘ Sindaci divisi sulla vicenda Co.ge.sa’. Quali che siano le motivazioni, reali o capricciose, a noi interessano poco ma i pensieri sono tornati subito a quelle pagine di storia quando i titolari della più alta carica civile nel governo delle città dell’Italia centro-settentrionale durante il Medioevo si chiamavano Podestà.Mentre il Paese si sforza di cambiare passo con l’adozione di decisioni rapide, quando la Regione annuncia sostanziali ( almeno nelle intenzioni) stravolgimenti in questa area di Centro Abruzzo i sindaci si dividono sempre e su tutto. Divisi sulla vicenda dei Fondi Fas, divisi sulla vicenda dei fondi Ue, divisi sulla coesione territoriale, divisi perfino nelle interlocuizioni piu’ semplici con i divesri livelli istituzionali ma anche su quelli piu’ complessi come la gestione post sisma

Ogni amministratore si sente un piccolo Padreterno ma nessuno riesce a formulare uno straccio di proposta capace di unire. Anzi c’è da chiedersi come facciano poi a trovare una intesa quando c’è da eleggere i Consigli di amministrazione di qualche ente. E la cosa piu’ irritante è che non si trova nessun consigliere comunale,di nessun partito politico,nessun consigliere provinciale, regionale o parlamentare, che chiede spiegazione sul perchè tutto questo accade dalle nostre parti. Misteri della politica casereccia di cui non sappiamo che farcene. (h.14,30)

1 Comment

  • Il potere dà alla testa e si credono trutti ” Padreterni ” intoccabili. La vanità umana non ha limiti.
    Se bastasse una fascia tricolore per fare una intelligenza! Poveri uomini!

Leave a Reply


Trackbacks