Home Prima Pagina Abruzzo: Empowerment della Gdf, da martedì al via i corsi di alta formazione

Abruzzo: Empowerment della Gdf, da martedì al via i corsi di alta formazione

Scritto da redazione
L’Aquila, Palazzo Silone sede della Giunta regionale

  L’Aquila, 20 gennaio– Sedici corsi di alta formazione, rivolti al personale della Guardia di Finanza, su temi di stringente attualità ed in continua evoluzione come il Codice degli appalti, la contabilità pubblica, le società partecipate, gli aiuti di stato, le criptovalute e la prevenzione frodi. A svolgerli un parterre prestigioso, composto da magistrati, avvocati, commercialisti, che a partire da martedì 24 gennaio, negli spazi della Caserma della Guardia di Finanza in via Paolucci all’Aquila, daranno inizio al percorso formativo organizzato dalla Regione Abruzzo. L’intervento, denominato “Empowerment della Guardia di Finanza, è inserito nel Por 2014-2020 del Fondo sociale europeo.

 “L’Intervento – spiega l’Autorità di Gestione del Fondi Fesr-Fse, Carmine Cipollone – mira al rafforzamento delle competenze amministrative, in linea con agli obiettivi di contrasto alle frodi fiscali e agli illeciti in materia di spesa pubblica e di utilizzo di fondi europei”. 

Una iniziativa che, come sottolinea il Direttore della Presidenza, Emanuela Grimaldi, “risponde all’esigenza di incrementare le attività di formazione, nell’ambito di un più ampio progetto teso al potenziamento delle competenze. Per questo abbiamo deciso di estendere la possibilità di seguire i corsi anche al personale regionale operante sui fondi strutturali, nella convinzione che solo una adeguata attività di formazione possa contribuire al miglioramento delle performance amministrative”. Ad aprire i corsi sarà l’avvocato Alessandro Di Sciascio, del Foro di Chieti, esperto in diritto amministrativo e patrocinante dinanzi alla Corte dei Conti. Previsti in calendario anche lezioni di lingua inglese e cinese “per rispondere alle esigenze – continua Cipollone – di un orizzonte professionale sempre più globalizzato”

Leggi anche

Lascia un commento